Policlinici

La polemica

Quarto Policlinico siciliano, il sindaco di Caltanissetta: «Da Enna fuga in avanti, intervenga Schifani»

Roberto Gambino contesta l'accordo siglato tra Asp ennese ed Università Kore e sollecita l'intervento della Regione e un'ispezione.

Tempo di lettura: 3 minuti

«Chiediamo un incontro urgente al Presidente della Regione Siciliana On. Renato Schifani. Sul policlinico continuano ad arrivare bordate da Enna e sembra che noi siamo a bocce ferme, ma non è cosi». Lo afferma il Sindaco di Caltanissetta, Roberto Gambino (nella foto), aggiungendo: «Dopo la conferenza dei sindaci si sono svolti una serie di incontri, anche giornalieri, con l’assessore Volo, con le associazioni, con il rettore di Unipa Prof. Midiri, durante i quali si sono gettate le basi per costruire quello che deve essere il quarto policlinico universitario siciliano, che ha come bacino d’utenza l’intera Sicilia centro meridionale e racchiude le province di Caltanissetta, Agrigento ed Enna».

La polemica sull’intesa Asp di Enna-Kore

«Il policlinico deve incidere sui territori suddetti e deve avere come hub l’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, che come tutti sanno è d.e.a. di secondo livello e ospita tutti i reparti all’interno dei quali possono essere istituite le cliniche- aggiunge il sindaco- Sul nostro ospedale si sta lavorando già da parecchi mesi, di concerto con il Rettore Midiri, con il commissario straordinario dell’asp Caltagirone e con i primari del Sant’Elia, per istituire all’interno del d.e.a. di secondo livello le scuole di specializzazione delle discipline presenti. Le fughe in avanti del commissario dell’asp di Enna Iudica e del presidente di Unikore Salerno, penso siano utili soltanto a trasformare qualche medico che presta servizio presso l’Umberto I in professore universitario senza l’espletamento di nessun concorso, in applicazione ad una “famigerata” delibera di Razza, risalente alla scorsa legislatura».

«Sia fatta azione ispettiva ad Enna»

Inoltre, Gambino sottolinea: «Non voglio entrare nel merito se tale azione sia corretta o meno, ma mi permetto di suggerire agli assessori regionali alla salute, all’istruzione e più direttamente al Presidente della Regione Siciiana e al MIUR, un’azione ispettiva per l’accertamento della sua regolarità. Per quanto riguarda la trasformazione in cliniche sulla carta, perché solo sulla carta possono essere, di quattro reparti dell’Umberto I, è palese che tale azione sia amministrativamente illegittima e sto valutando con l’avvocatura comunale la possibilità di ricorrere alla magistratura amministrativa come ho già fatto con il ricorso al TAR per l’ex ospedale Vittorio Emanuele e ciò sempre a tutela della città di Caltanissetta e dei suoi cittadini».

«Il baricentro sia l’ospedale Sant’Elia»

«Adesso è arrivato il tempo di fare chiarezza e di giocare a carte scoperte, la settimana scorsa insieme alle associazioni ho chiesto al Presidente della Regione un incontro per definire l’intera tematica, a questo punto l’incontro è diventato urgentissimo, prima che ci siano altre fughe in avanti e quindi torno a chiederlo con forza- conclude il sindaco di Caltanissetta-  Noi siamo convinti che l’importante struttura universitaria possa essere istituita soltanto avendo come baricentro l’ospedale Sant’Elia e come bacino d’utenza le tre province di Caltanissetta, Agrigento ed Enna e perché no parte della provincia di Palermo (Madonie basse) e di Catania (sino al Calatino) e lotteremo duramente per ottenere questo risultato importante per tutto il territorio della Sicilia Centro Meridionale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche