Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
punto nascita pediatri

ASP e Ospedali

Le reazioni

Punto nascite di Cefalù, scattano la mobilitazione e gli appelli contro la chiusura

"Il Ministero della Salute si faccia carico del mantenimento del centro", auspica il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano. Interviene pure l'Unione Difesa dei Consumatori (U.Di.Con) Sicilia, preoccupata dalle ricadute di quella che definisce “una sciagura”.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Il Ministero della Salute si faccia carico del mantenimento del centro nascite di Cefalù, cosi come nel 2015, concedendo una deroga attesa dai cittadini delle Madonie e dei Nebrodi».

Lo chiede il presidente della Fondazione Giglio di Cefalù, Giovanni Albano, «in considerazione della crescita del 30 percento del numero dei parti passati dai 320 del 2016 ai 416 del 2017, dell’alta assistenza sanitaria offerta alle future mamme e dell’orografia del territorio».

«Nel 2018 – aggiunge Albano – il trend di crescita dei “nati a Cefalù” ci farà superare il già positivo risultato dello scorso anno”. Inoltre sottolinea gli sforzi fatti dalla Fondazione, in questi anni, “per il reclutamento del personale dell’ostetricia e ginecologia oggi composto da uno staff di 25 specialisti tra ostetriche (nove), pediatri (5) e ginecologi (9).

All’ostetricia è stato, inoltre, dedicato il “reparto gioiello” della Fondazione, interamente rinnovato, con 12 posti letto di cui 4 in camera singola tutte dotate di ogni comfort alberghiero.

«Ci auguriamo- conclude il manager- che il Ministero e i tecnici che si stanno occupando del centro nascite di Cefalù abbiano la stessa sensibilità del passato garantendo a questa grande comunità di poter continuare a fruire di questo importante presidio».

E un appello all’assessore regionale per la salute Ruggero Razza per evitare la chiusura del Punto nascite è lanciato dall’Unione Difesa dei Consumatori (U.Di.Con) Sicilia, preoccupata dalle ricadute di quella che definisce “una sciagura”.

«Il Punto Nascite di Cefalù durante il periodo di proroga che era stato concesso proprio dal Ministero è cresciuto da 350 a 420 parti l’anno avvicinandosi significativamente al limite minimo di 500 parti previsto proprio dal Ministero- dice il Presidente Regionale U.Di.Con Pietro Feroce– Inoltre con la chiusura del Punto nascite dell’Ospedale Madonna dell’Alto di Petralia, Cefalù resta l’unico presidio territoriale punto di riferimento per le neo mamme. Riteniamo che non si debba penalizzare ulteriormente questo territorio visti anche i rischi che ne conseguono».

L’U.Di.Con Sicilia incontrerà, nei prossimi giorni, il Presidente della Fondazione Giglio di Cefalù Giovanni Albano che si è già detto disponibile ad un confronto sul tema.

«L’incontro servirà ad approfondire la conoscenza della situazione- conclude  Feroce- che porterò all’attenzione del Presidente nazionale Denis Nesci perché si faccia carico di rappresentarla anche al Ministro Giulia Grillo ed agli uffici del Ministero vigilante».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati