Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
punto nascita pediatri

ASP e Ospedali

La nota di Cimo e Fesmed

Punto nascita di Licata, l’appello a Razza: «Si torni a partorire in sicurezza»

La nota di Cimo e Fesmed inviata all'assessore regionale alla Salute.

Tempo di lettura: 2 minuti

“La riapertura deve essere adeguatamente supportata da organici idonei dei reparti di ginecologia e pediatria, al fine di garantire gli standard di sicurezza”.

Lo scrivono Rosetta Vaccaro (Segretario Aziendale CIMO Agrigento) e Salvatore Bennici (Segretario provinciale FESMED di Agrigento) in un appello lanciato all’assessore Ruggero Razza relativamente al Punto nascita di Licata.

I due sottolineano: “Già durante la gestione del Dg Salvatore Lucio Ficarra diffidammo l’Amministrazione a riaprire il punto nascita di Licata senza l’adeguamento strutturale ed organico necessario a al reparto, la cui chiusura in deroga concessa dal Ministero della Salute era subordinata a garantire gli standard di sicurezza strutturali (adeguamento sala parto e sala operatoria) e funzionali (adeguamento dotazione organica per garantire la guardia attiva H 24)”.

Secondo Vaccaro e Bennici “l’Organico Medico del Punto Nascita del Presidio Ospedaliero di Licata non rispetta gli standard di sicurezza descritti dal Decreto Assessoriale Salute Regione Sicilia n.1521 /2103, nonché da quanto previsto da parte della Convenzione Stato – Regioni in termini di Sicurezza dei Punti Nascita, così come reiteratamente richiesto sin dal 2012 dalla stessa Sub-Commissione Percorso Nascite della Provincia di Agrigento”.

Inoltre “il numero insufficiente di Ostetriche, tra l’altro, non garantisce efficientemente il Triage Ostetrico dedicato H 24. L’Organico insufficiente ed inadeguato della Ostetricia e Ginecologia del P.O. di Licata (AG) causerebbe un pericoloso SurMenage di attività lavorativa del personale medico e infermieristico in servizio, fuori dalle normative europee e sotto la totale Responsabilità della Direzione Strategica della Asp di Agrigento”.

Infine, Cimo e Festmed sottolineano: “Appare azzardato e pericoloso il ricorso ad Unità di Ginecologia e Ostetricia e di Pediatria, già insufficienti negli altri Centri Nascite della provincia di Agrigento” e sollecitano un “immediato intervento” all’assessore Razza “considerato che il personale in atto in servizio è numericamente uguale a quello presente all’atto della sua chiusura”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati