Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Punto nascita di Petralia, il Pd scrive alla Lorenzin: «Sia concessa una proroga»

L'interpellanza urgente ha come primo firmatario Magda Culotta, sindaco di Pollina.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Con un’interpellanza urgente i deputati del Pd, primo firmatario Magda Culotta (nella foto), si rivolgono al Ministro Beatrice Lorenzin sul tema della chiusura dei punti nascita in Sicilia. L’argomento è stato già calendarizzato e dovrebbe essere discusso alla Camera domani.

Nell’interrogazione si sottolinea anzitutto che «nel mese di settembre 2015 l’assessore alla salute Baldo Gucciardi ha reiterato al Ministero della salute la proposta di deroga per il mantenimento di alcuni punti nascita per particolari condizioni orografiche ed esattamente: Licata, Mussomeli, Bronte, Nicosia, Petralia Sottana e Santo Stefano di Quisquina».

Subito dopo i deputati del Pd aggiungono: «Il 31 dicembre 2015 il Ministero ha decretato, fra gli altri, la chiusura definitiva del punto nascite dell’ospedale di Petralia Sottana, non concedendo la deroga ai parametri nazionali, gettando così nello sconforto e nel panico l’intero territorio madonita. Tale deroga è stata invece concessa ai presidi ospedalieri di Bronte e Licata».

Poi un appello al ministro: «L’ospedale di Petralia ha da sempre rappresentato un punto strategico per tutte le Madonie;
oggi lo diventa maggiormente date le condizioni di assoluta precarietà di tutto il sistema stradale. Dalle deroghe concesse agli altri nosocomi si evince, una disparità delle scelte operate dal Ministero».

Inoltre nell’interrogazione i deputati del Pd sottolineano: «Il comitato pro ospedale, costituito per protesta rispetto alle scelte operate dal Ministero, ha avviato una petizione che ha già raccolto oltre tremila firme».

Da qui la richiesta alla Lorenzin: la concessione di una deroga al punto nascite di Petralia, «legando quanto meno la stessa al periodo di sperimentazione della strategia nazionale aree interne, superando in tal modo una scelta contraddittoria circa gli obiettivi dello stesso Ministero».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati