Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

L'intervento del deputato regionale

Pullara: «Che fine ha fatto il bonus Covid-19 per gli operatori dalla Sanità?»

Il vice presidente della commissione Sanità alla Ars: «A oltre sei mesi dall'approvazione della legge finanziaria il governo regionale non è riuscito a pagare l'indennità».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Continuiamo a chiamare “eroi” gli operatori della sanità, non solo quegli ospedalieri ma anche quelli del 118, però non riusciamo a passare dalle parole ai fatti». Sono le parole del vice presidente della commissione Sanità alla Ars, Carmelo Pullara.

«A oltre sei mesi dall’approvazione della legge finanziaria regionale (2 maggio 2020)- continua il parlamentare- il governo regionale non è riuscito a pagare il bonus che come parlamento, io tra i primi, abbiamo fortemente voluto ed approvato. Certamente non sono i soldi a potere ripagare i rischi e la fatica ma sono il segno della gratitudine e dell’attenzione ma anche della motivazione. Perché questa ipocrisia di questa politica?».

«Ho sentito parlare- afferma il deputato- di pre-impugnativa, forse un nuovo istituto giuridico?! Chiedo pertanto che senza indugio si dia corso all’applicazione della norma ad oggi valida ed efficace. Per chiarezza ricordo a me stesso che si tratta di 1.000 euro ad operatore al mese da Marzo 2020 fino al termine della emergenza pandemia. Non posso rimanere silente perché sarebbe complicità e condivisione di colpevolezza .È il momento della responsabilità ognuno la propria come per le passerelle. Non di minore importanza è la gestione del reperimento delle risorse che invito a fare con metodi trasparenti, il click day ha dimostrato di essere trasparente ed efficace, e con contratti univoci. In tale ultimo senso c’è una giungla, si passa dal contratto libero professionale al tempo determinato come se nulla fosse».

«Ma mi chiedo- conclude Pullara -che libera professione, per esempio, possono esercitare gli OSS?! Si chiedano i doveri ma si diano diritti e dignità. Ciò valga per tutte le categorie e per tutti gli ambiti, dagli ospedali pubblici a quelli privati passando per il servizio 118. Sono certo che quello che dico è il pensiero dei più ma rimane silente. Se questa politica non è in grado di rispondere a tali minime esigenze non gli resta che farsi da parte».

Nei giorni scorsi sul bonus si era svolto un vertice tra Ruggero Razza e i sindacati: clicca qui per il resoconto.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati