Dal palazzo Pubbliredazionale

Il servizio video

Tumore della vescica, a Palermo esperti a confronto sul trattamento multidisciplinare

Il tema è stato al centro del Corso residenziale ECM che si è svolto all’Arnas Civico. Durante l'iniziativa (Provider: Italian Medical Research; Responsabili scientifici i dott.ri Livio Blasi e Gianfranco Savoca) si è discusso anche dell'importanza del supporto delle associazioni.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Team multidisciplinari, trattamenti personalizzati e nuove cure: sono alcuni dei temi affrontati durante il Corso residenziale ECM dal titolo “Multidisciplinarietà nel trattamento del tumore uroteliale” che si è svolto il 12 dicembre all’Arnas Civico di Palermo. Durante l’iniziativa (Provider: Italian Medical Research; Responsabili scientifici i dott.ri Livio Blasi e Gianfranco Savoca) si è discusso anche dell’importanza del supporto delle associazioni al paziente affetto da carcinoma vescicale.

Il tumore della vescica rappresenta circa il 3 per cento di tutti i tumori e, in urologia, è secondo solo al tumore della prostata. È più comune tra i 60 e i 70 anni ed è tre volte più frequente negli uomini che nelle donne. Si manifesta prevalentemente in vescica ed è una malattia che se trattata in fase precoce ha un’ottima prognosi con interventi minimamente invasivi.

«Il tumore alla vescica è uno dei più aggressivi in Sicilia- commenta Gianfranco Savoca– pertanto l’attivazione di percorsi diagnostici terapeutici è una strada obbligata. In questo modo  il paziente è seguito dalla diagnostica, all’intervento fino alla chemioterapia in fase più avanzata».

«In oncologia i trattamenti personalizzati garantiscono dei farmaci che attaccano un determinato bersaglio- aggiunge Livio Blasi– quindi restituendo un beneficio in più rispetto a quelli standardizzati. I pazienti hanno così la possibilità di accedere a nuove terapie e di avere una sopravvivenza più lunga».

«Ci occupiamo di dare un contributo informativo al paziente sulla malattia e sul percorso clinico- dice Edoardo Fiorini, presidente dell’associazione PaLiNuro- Oltretutto li aiutiamo nella scelta dell’ospedale più vicino a casa, soprattutto al Sud, dove solitamente c’è la tendenza a partire per curarsi altrove. È opportuno che sappiano che le eccellenze esistono anche in Sicilia».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1


    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche