ASP e Ospedali

Il caso

Pronto soccorso di Milazzo, il Nursing Up Messina: «Infermieri stremati»

Il sindacato ribadisce: «Forza lavoro inferiore rispetto alla pianta organica e mancate sostituzioni di personale assente»

Tempo di lettura: 2 minuti

Forza lavoro inferiore rispetto alla pianta organica e mancate sostituzioni di personale infermieristico assente per lungo tempo. Queste le problematiche che vedono coinvolto il pronto soccorso di Milazzo. Diverse sono state le note inviate dal Nursing Up Messina all’ASP di Messina che attenzionano queste tematiche, ma secondo il sindacato le soluzioni “tampone” con assegnazioni temporanee non risolvono il problema degli infermieri ormai stremati da carichi di lavoro notevoli.

Già nel novembre scorso il sindacato aveva chiesto alla direzione di presidio un incontro. Tuttavia, ad oggi, l’incontro non si è mai tenuto: i referenti sindacali del Nursing Up non sono stati ricevuti.

È del 4 gennaio l’ulteriore nota, a firma del segretario provinciale Biagio Proto (nella foto), con la quale si chiede un confronto per capire quali sono le soluzioni definitive proposte dalla Direzione di presidio: l’individuazione di personale già in organico presso il presidio ospedaliero milazzese o il trasferimento del personale al momento inoperoso presso l’ospedale di Barcellona.

«Ci sentiamo rammaricati da questo atteggiamento di chiusura nei confronti dei rappresentanti degli infermieri, pertanto auspichiamo un confronto urgente» fanno sapere dal Nursing Up, meravigliandosi di come il pronto soccorso di un territorio vasto come quello mamertino- che conta un importante agglomerato industriale come la raffineria- che affronta anche la chiusura del presidio di Barcellona, possa prevedere un numero così esiguo di personale infermieristico in organico».

Dai vertici del Nursing Up si chiedono infatti «come, nel malaugurato caso di maxi emergenze, potrebbero i pochi infermieri garantire l’assistenza considerato che anche in condizioni ordinarie i carichi di lavoro sono già elevati?».

«È fondamentale, inoltre- affermano il segretario provinciale Biagio Proto e le colleghe referenti Nursing Up Milazzo, Marramao e Sacco- che venga garantito anche il diritto alla tutela della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro come previsto dal D.Lgs. 81/08 al fine di evitare condizioni di stress lavoro correlato e burnout, nonché evitare di esporre il personale a rischio aggressioni come ormai le cronache riportano quotidianamente».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche