Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Emergenza urgenza

La denuncia della Fials

«Pronto soccorso di Acireale: le barelle sono poche e le ambulanze del 118 restano bloccate fino a 5 ore»

La denuncia della Fials che interviene su un problema diffuso in tutta la Sicilia e sollecita a Gucciardi i box di ripristino.

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. Il Coordinamento Provinciale Fials 118 di Catania con una lettera (clicca qui) inviata ai vertici dell’Asp e del 118 di Catania e per conoscenza tra gli altri anche a Baldo Gucciardi, segnala «l’ennesima problematica delle ambulanze che restano bloccate al P.S. senza possibilità di liberarsi a causa della carenza di barelle e/o presidi di sostituzione presso lo stesso presidio di emergenza».

«Ci è giunta notizia che il Pronto Soccorso “Santa Marta e Santa Venera” di Acireale è sprovvisto di tavole spinali oltre ad avere un esiguo numero di barelle, non sufficiente al fabbisogno dell’utenza, questo comporta un notevole ritardo nello “sbarellamento” con il blocco delle ambulanze, fino a 5 ore», si legge nella nota firmata dal segretario provinciale Agata Consoli e dal coordinamento provinciale (Belfiore- Di Girolamo).

Inoltre la Fials sottolinea: «Tenendo conto che il territorio Jonico-Etneo che va dal comune di Acireale a quello di Calatabiano, nella parte Jonica e da Piedimonte Etneo fin su a Castiglione di Sicilia per la parte Etnea, è coperto da 6 ambulanze Seus di cui solo 3 Medicalizzate, è elementare capire il disagio alla popolazione e l’inevitabile ritardo nei soccorsi quando queste rimangano in stallo al P.S”.

Da qui l’appello per risolvere il problema, presente in tutta la Sicilia: «Si faccia partire al più presto il progetto discusso in assessorato Regionale della Salute di avvio dei box di ripristino, al fine di consentire lo sbarellamento delle ambulanze del circuito 118 nei modi e nei tempi previsti dai pregressi decreti assessoriali che prevedono il tempo massimo di circa 15 minuti all’arrivo al P.S. per rendere nuovamente operativo il mezzo».

Nei giorni scorsi per sollecitare i box di ripristino era intervenuta pure l’Aasi (leggi qui).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati