prevenzione ictus screening alice

Salute e benessere

L'importanza di riconoscere i sintomi

Prevenzione dell’ictus: screening vascolare gratuito all’interno dell’agenzia Generali Palermo Grattacielo

L'Associazione Lotta all’Ictus Cerebrale è stata all’interno dell’agenzia per effettuare uno screening vascolare gratuito mirato a identificare i fattori di rischio di ogni partecipante

Tempo di lettura: 2 minuti

L’ictus cerebrale costituisce una delle principali cause di disabilità a livello globale, colpendo oltre 12 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno. Nonostante il lavoro di prevenzione primaria dell’ictus e di sensibilizzazione sul riconoscimento della sintomatologia d’esordio, a Palermo i ricoveri per questa malattia permangono invariati nel corso degli anni.
Sulla base dei dati epidemiologici a nostra disposizione, si stima che circa una persona su quattro potrà essere colpita da ictus nel corso della propria vita. La buona notizia è che fino al 90% degli ictus può essere prevenuto, adottando uno stile di vita sano con buone abitudini alimentari, facendo regolare attività fisica, tenendo sotto controllo la pressione arteriosa, il colesterolo e,
naturalmente, evitando il fumo di sigarette. Inoltre, oggi disponiamo di cure molto efficaci per l’ictus. Si tratta però di terapie tempo-dipendenti. Per questo è fondamentale imparare a riconoscere i sintomi dell’ictus, come una improvvisa debolezza ad un braccio o ad una gamba o la difficoltà a parlare, e chiamare immediatamente il 118.
ALICe (Associazione Lotta all’Ictus Cerebrale) Palermo Ovest, una associazione NO PROFIT costituita da operatori sanitari e pazienti, è stata all’interno dell’agenzia Generali Palermo Grattacielo per effettuare uno screening vascolare gratuito mirato a identificare i personali fattori di rischio vascolare modificabili di ogni partecipante. Inoltre, una parte del colloquio è stata dedicata all’informazione su quali sono i sintomi di presentazione di un ictus ed all’importanza di un pronto riconoscimento degli stessi. Adottare uno stile di vita sano, imparare a riconoscere i sintomi e agire in tempo può salvare la vita. GUARDA IL VIDEO

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche