Nuovo presidente regionale dei Chirurgi siciliani: è stato eletto Giovanni Trombatore

11 Febbraio 2017

Importante riconoscimento per il direttore della Chirurgia generale dell’ospedale di Lentini: «Per me è un onore guidare la Società siciliana di Chirurgia. Cercherò di rinsaldare e regolamentare gli ottimi rapporti con l’ACOI per la creazione di una società scientifica che rappresenti tutte le anime della chirurgia».

 

di

Il direttore della Chirurgia generale dell’ospedale di Lentini, Giovanni Trombatore (nella foto) è stato eletto presidente della Società Siciliana di Chirurgia. La carica gli è stata assegnata nel corso della seduta di insediamento del nuovo Consiglio direttivo che si è svolta a Lentini.

Trombatore dirige la Unità Operativa di Chirurgia dell’Ospedale di Lentini dall’agosto del 1999. Dal 2001 al 2003 e dal 2008 al 2009 è stato anche direttore della UO di Chirurgia generale dell’ospedale di Augusta, dal 2011 al 2013 direttore del Dipartimento di Chirurgia dell’Asp di Siracusa e docente alla Scuola di Specializzazione in Chirurgia dell’Apparato Digerente dell’Università degli Studi Catania (anni accademici 2009\2010 e 2010\2011).

Tra i suoi primi obiettivi, la promozione della ricerca, della formazione e dell’informazione in campo chirurgico nonché la creazione di rapporti con le istituzioni ai vari livelli e la creazione, all’interno del Consiglio direttivo, di un gruppo dedicato alle problematiche afferenti il contenzioso medico-legale, punto di riferimento per quanti ne avranno bisogno coinvolgendo l’esperienza e la saggezza dei presidenti onorari e dei past president.

«È per me un grande onore- sottolinea Trombatore- Ricoprire la carica che in passato è stata di insigni maestri della chirurgia siciliana mi lusinga non poco ma, nello stesso tempo, non posso nascondere il timore con il quale mi appresto ad assumere questo gravoso impegno. Un ringraziamento ai presidenti onorari e ai componenti del Consiglio uscente per il copioso e qualificato lavoro svolto. Il nuovo Consiglio direttivo, grazie “alle larghe intese” che oggi vedono i chirurghi siciliani ospedalieri ed universitari in ottima sintonia, è composto da una compagine motivata di alto valore professionale e scientifico».

Poi Trombatore aggiunge: «È mio obiettivo rinsaldare e regolamentare gli ottimi rapporti con l’Acoi (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) secondo quanto sancito nel congresso congiunto a Roma, per la creazione di una società scientifica che rappresenti tutte le anime della chirurgia. Solo così possiamo essere interlocutori delle istituzioni. Ritengo fondamentale il dialogo con gli interlocutori regionali, in particolare con l’assessorato alla Salute».

IL NUOVO DIRETTIVO DELLA SOCIETÀ SICILIANA DI CHIRURGIA

Oltre che da Giovanni Trombatore nella carica di presidente, è composto dai vice presidenti Giuseppe Cimino e Giovanni Lo Destri nonché dal segretario Cristian Rapisarda. Continuano a far parte del Consiglio direttivo i presidenti onorari Pietro Banna, Maurizio Basile e Pietro Leo e il past president Stefano Puleo.

LA SODDISFAZIONE DELL’ASP DI SIRACUSA

Il direttore generale Salvatore Brugaletta esprime al primario di Chirurgia dell’ospedale di Lentini vive felicitazioni per il prestigioso incarico «con la certezza che la sua competenza, unitamente alla profonda esperienza professionale e conoscenza della categoria e dei suoi bisogni, guidi saggiamente la Società regionale di Chirurgia apportando un contributo importante nel garantire supporto, vigore, spirito unitario e tutela dei diritti inalienabili dei colleghi chirurghi e dei pazienti ai quali va garantita una sempre più efficace ed efficiente risposta ai bisogni sanitari espressi».

IL REPARTO DI CHIRURGIA A LENTINI

Punto di riferimento dell’Asp di Siracusa per la chirurgia generale ed oncologica, è tra le eccellenze della chirurgia siciliana. I dati AGENAS del 2016 collocano il reparto di Chirurgia di Lentini tra le prime dieci unità operative siciliane per il trattamento dei tumori del colon-retto e dei tumori della mammella.

Per i primi vengono utilizzate le tecniche di laparoscopia e per i tumori del retto. Inoltre, viene applicata una tecnica chirurgica (TATME) eseguita a Lentini e in pochi altri centri in Italia che consente di evitare, in molti casi, la esecuzione di una colostomia.

Per i tumori della mammella vengono eseguite le indagini di secondo livello (agobiopsie), la ricerca sistematica del linfonodo sentinella e la ricostruzione della mammella quando è necessario eseguire la mastectomia. Vengono, inoltre, eseguiti numerosi interventi sulla tiroide e per il trattamento del melanoma. La laparoscopia di base (colecistectomie, appendicectomie, ulcere perforate ect) viene routinariamente eseguita.

La chirurgia di Lentini organizza corsi di formazione per la chirurgia della parete (ernie e laparoceli) con la partecipazione di chirurghi provenienti da tutta Italia. Sono stati organizzati nel nuovo ospedale di Lentini due congressi regionali di chirurgia nel 2011 e nel 2016 e numerosi convegni monotematici rivolti ai medici di medicina generale.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV