BEST IN SANITAS

Candidati entro il 30 Giugno 2022

Clicca qui

Case di cura

La Buona Sanità

Prelievo di organi all’Humanitas di Catania: «Il primo in una struttura sanitaria privata in Sicilia»

Cuore, fegato e reni di una donatrice hanno salvato quattro malati siciliani in lista d'attesa.

Tempo di lettura: 2 minuti

Per la prima volta in Sicilia, per volontà di una giovane paziente, è avvenuta una donazione di organi in una struttura sanitaria privata, l'”Humanitas Istituto Clinico Catanese”. La donatrice, ricoverata presso l’istituto etneo, aveva espresso la volontà di fare il dono prezioso dei suoi organi. Grazie alla sua ferma convinzione, che ha messo in moto l’organizzazione della rete regionale trapiantologica, il suo generoso cuore, il fegato e i reni hanno salvato quattro malati siciliani in lista d’attesa.

Il prelievo multiorgano è stato eseguito presso una delle sale operatorie di Humanitas dall’ équipe dell’unità operativa di Anestesia e Rianimazione diretta da Adolfo Tomarchio, assistito da cinque infermieri, dal coordinatore per i trapianti dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico “Rodolico-San Marco” di Catania, Alessandro Conti, e dai chirurghi dei centri trapianto regionali.

«L’intervento è stato svolto tempestivamente- afferma Tomarchio- a garanzia di una migliore aspettativa di vita del paziente ricevente. Una procedura eseguita con successo grazie alla rete e alla collaborazione tra strutture sanitarie».

Il Coordinatore Regionale del CRT Sicilia, Giorgio Battaglia, aggiunge: «Questa donazione di organi è particolarmente preziosa per due ragioni. Innanzitutto per la grande convinzione mostrata dalla donatrice che testimonia l’importanza della sensibilizzazione alla cultura della donazione per favorire una maggiore consapevolezza, e perché conferma la grande capacità di collaborazione tra pubblico e privato per garantire il funzionamento del nostro servizio sanitario. Esprimo la mia vicinanza alla famiglia della donatrice e il mio ringraziamento a tutto il personale sanitario impegnato in quest’attività».

«Si tratta certamente di un risultato brillante- sottolinea Alessandro Conti– reso possibile dalla ferma volontà di donazione espressa in vita dalla paziente e dalla felice intuizione dei medici del reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Humanitas. Gli eccellenti servizi della struttura e il know how del personale medico e infermieristico hanno poi consentito lo svolgimento fluido dell’intero processo in tempi relativamente rapidi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche