Cgil

Dal palazzo

L'appello all'assessore Volo

Precari in scadenza, la Fp Cgil: «Siano prorogati tutti i contratti»

Il sindacato sottolinea che il mancato rinnovo metterà in grande difficoltà le strutture sanitarie pubbliche.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Chiediamo la proroga di tutto il personale precario in servizio. Con la fine dello stato emergenziale, dal primo gennaio la sanità siciliana attraverserà un grade momento di criticità». È l’appello che lanciano il segretario generale Fp Cgil Palermo Giovanni Cammuca (nella foto) e il segretario provinciale Fp Cgil medici Domenico Mirabile.

In una nota inviata all’assessora regionale alla Sanità Giovanna Volo, alla direttrice generale Asp Palermo Daniela Faraoni, e ai direttori generali di Villa Sofia e Cervello, la Fp Cgil Palermo richiama l’attenzione sulla situazione di grave difficoltà che si determinerà qualora molti degli incarichi oggi ricoperti con contratti a tempo determinato o con contratti di lavoro flessibile, cococo e libero-professionali, non vengano rinnovati.

«Le croniche carenze di risorse umane nelle dotazioni organiche della nostra sanità pubblica sono state, nel recente passato, in parte colmate dall’immissione in servizio di personale medico, infermieristico, tecnico sanitario e sociosanitario per l’emergenza pandemica da Sars-Cov19– dichiarano Cammuca e Mirabile- È del tutto evidente che il mancato rinnovo metterà in grande difficoltà le strutture sanitarie pubbliche, con inevitabile crisi assistenziale ancora peggiore di quella esistente in fase pre-pandemica e in un periodo in cui, nonostante i migliori auspici, i contagi da Sars- Cov19 non sembrano essersi fermati, ma addirittura essere in ripresa».

La Fp Cgil Palermo segnala in particolare la situazione degli operatori socio-sanitari. «Il numero degli Oss, figura che si prende direttamente cura del paziente dal punto di vista assistenziale, è stato fortemente sottovalutato nella fase di predisposizione della rete ospedaliera e, conseguentemente, delle dotazioni organiche delle aziende sanitarie siciliane- continuano Cammuca e Mirabile -Nel chiedere un’accelerazione nel percorso di stabilizzazione, già avviato, per il personale precario medico, infermieristico e tecnico-sanitario, assistenziale, in possesso dei requisiti di legge, chiediamo altresì che l’assessorato dia indicazioni univoche, applicabili in tutto il territorio della regione, per l’applicazione del comma 2 della cosiddetta legge Madia e, al contempo, si operi una rivisitazione dei parametri per il fabbisogno di personale socio-sanitario».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche