Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
contratto medici AIM decreto pieralli mobilità medici

Dal palazzo

Legge di Bilancio

Precari della Sanità, è ufficiale: per la stabilizzazione varrà l’anzianità fino al 31 dicembre 2019

Lo prevede la Legge di Bilancio Nazionale pubblicata nella GURI, che estende contemporaneamente i termini della legge Madia al 31 dicembre del 2022. Le nuove norme varranno anche in Sicilia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica (avvenuta il 30 dicembre) è in vigore la nuova legge di Bilancio Nazionale. Tra i numerosi provvedimenti alcuni riguardano il mondo della Sanità, in particolare quelli relativi alle stabilizzazioni dei precari.

I termini della legge Madia, infatti, sono spostati in avanti: la stabilizzazione dei precari della Sanità italiana sarà possibile fino al 31 dicembre del 2022.  Inoltre i tre anni di anzianità (anche non continuativa) necessari come requisito per la stabilizzazione potranno essere maturati fino al 31 dicembre del 2019.

Le motivazioni sono spiegate proprio dal relativo comma (il 466): «Allo scopo di fronteggiare la grave carenza di personale e superare il precariato, nonché per garantire la continuità dell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza».

Queste nuove regole saranno applicate anche in Sicilia: a partire dalle prossime settimane, infatti, le aziende sanitarie dovranno effettuare una ricognizione dei precari aventi diritto alla stabilizzazione alla luce di queste nuove norme.

Le porte dei contratti a tempo indeterminato si apriranno nella nostra regione per centinaia di precari che a causa della normativa precedentemente vigente erano finora rimasti esclusi.

E un appello per applicare subito le nuove norme giunge dalla Fials Sicilia.

All’inizio dell’iter della Legge di Bilancio il termine massimo per maturare i tre anni di anzianità su proposta del ministro della Salute era stato spostato solo fino al 30 giugno 2019.

Tuttavia da più parti, quindi anche dalla Sicilia, era giunto l’appello per un ulteriore slittamento in avanti: ad esempio da Cimo e Nursind, dall’Associazione Italiana Medici e da DiventeràBellissima (tramite il capogruppo all’Ars, Alessandro Aricò).

E così alla fine è stato: grazie a un sub-emendamento presentato dal M5S il termine, appunto, è ora fissato al 31 dicembre 2019.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati