Dal palazzo

La nota

Precari Covid, Ugl Salute Sicilia: «Siano prorogati i contratti in scadenza»

La richiesta del sindacato alla luce della direttiva dell'assessore Volo e nelle more dell'avvio delle procedure concorsuali.

Tempo di lettura: 2 minuti

Prorogare i contratti attualmente in scadenza dei precari Covid-19, nelle more dell’avvio delle procedure concorsuali. È la richiesta avanzata dalla Ugl Salute Sicilia alle Aziende sanitarie ed ospedaliere del territorio regionale, alla luce della direttiva attuativa che l’assessore regionale della Salute Giovanna Volo ha inviato ai direttori generali delle strutture sanitarie pubbliche, finalizzata all’attivazione dei percorsi di stabilizzazione previsti dalla legge.

Un atto che ha fatto seguito alla stipula del protocollo di intesa tra l’Assessorato e alcune organizzazioni sindacali, dello scorso 31 marzo, in materia di assunzioni del personale che ha operato durante l’emergenza pandemica attraverso i concorsi che saranno banditi (o che sono stati sospesi per essere riprogrammati) e che prevedono un punteggio premiale per chi ha maturato il periodo di servizio.

«Il documento trasmesso dall’assessore Volo è un atto concreto verso ciò che noi da mesi chiediamo, ovvero la valorizzazione di migliaia di lavoratori in tutta la Sicilia che, in pieno periodo emergenziale, hanno assicurato la tenuta del sistema sanitario regionale- dicono Carmelo Urzì (nella foto in alto di Insanitas) e Raffaele Lanteri, rispettivamente segretario ed aggiunto della federazione Ugl Salute siciliana- E ne siamo orgogliosi anche perchè si è dato seguito al protocollo sul quale abbiamo creduto sin dall’inizio, apponendo la firma a nome di tutti i precari».

Raffaele Lanteri (foto Insanitas)

«Chiediamo adesso alle Aziende sanitarie ed ospedaliere di non interrompere questi rapporti, che continuano peraltro ad essere fondamentali nell’ambito degli organici delle strutture della sanità regionale, trovando il modo di prorogarli fino a quando non saranno compiute le selezioni concorsuali e le procedure atte a consentire la stabilizzazione del personale precario – aggiungono i due sindacalisti- Lo chiediamo sempre nel rispetto dei vincoli di bilancio e delle risorse economiche disponibili, ma siamo già certi che nessun direttore si tirerà indietro rispetto alla volontà di non intaccare i livelli occupazionali ed attivare speditamente le procedure di stabilizzazione e i bandi di concorso».

«Per questo- concludono Urzì e Lanteri- ci rivolgiamo all’assessore della Salute affinchè possa vigilare sul compimento delle indispensabili proroghe e sull’attuazione di quanto previsto nella direttiva».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche