Dal palazzo

L'annuncio

Precari Covid siciliani, Razza: «In arrivo il provvedimento della Regione»

L'assessore regionale alla Salute replica al deputato regionale Pullara e sottolinea: "Martedì prossimo la circolare sarà presentata alla commissione Sanità dell'Ars".

Tempo di lettura: 3 minuti

«Il deputato Pullara ha tutta la mia solidarietà: vuole per forza ritagliarsi un ruolo per poter dire che se si prorogano i contratti è merito suo, se si stabilizzano i lavoratori è merito suo. Peccato, perché chi ha avuto ruoli nel sistema sanitario, e ancora ne è dipendente, dovrebbe conoscere quali sono le procedure e ricordare che ho già preso l’impegno di condividere con la commissione Salute dell’Ars il testo della mia circolare, affinché non si potessero aggirare per la Sicilia tanti millantatori pronti a brandire risultati che notoriamente non appartengono loro. Ieri, assieme a tutti gli assessori alla Sanità delle altre Regioni italiane abbiamo incontrato il ministro Speranza, al quale ho ribadito, oltre le decisioni regionali, l’opportunità di un intervento nazionale che speriamo arrivi nel corso del Consiglio dei ministri di oggi. In ogni caso, martedì prossimo il testo del provvedimento regionale sarà presentato alla commissione, perché io del parlamento siciliano ho un rispetto più grande di quello che Pullara ha del governo regionale».

Lo afferma l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza (nella foto di Insanitas), replicando alle dichiarazioni di Carmelo Pullara, parlamentare della Lega e vice presidente della VI commissione all’Ars, il quale aveva sottolineato: «L’assessore Razza la smetta di tenere in ostaggio i circa 9 mila lavoratori impiegati nell’emergenza covid -19. Prima in aula e poi in Commissione sanità aveva affermato che entro la metà del mese, previo un nuovo confronto con la commissione e sulla base delle indicazioni venute dalla conferenza Stato-Regioni, la giunta regionale avrebbe adottato un provvedimento per la proroga dei contratti fino al 30 giugno, per i lavoratori della sanità impegnati nella lotta contro il covid ma ciò non è avvenuto. Esiste un ordine del giorno, lo ha accettato e adesso cosa aspetta a procedere?».

Pullara aveva aggiunto: «In Sicilia ci sono attualmente circa 9 mila lavoratori impiegati nell’emergenza Covid-19 con varie forme contrattuali, ovviamente a scadenza. Si tratta di personale titolato e opportunamente formato, che in questi anni di pandemia ha operato con sacrificio, grande passione ed abnegazione e che, adesso, merita l’inserimento in un percorso volto all’assunzione anche perchè c’è assoluto bisogno di forza lavoro all’interno delle Aziende ospedaliere e delle Asp. Sarebbe un peccato disperdere questo patrimonio in termini di esperienza delle risorse umane impegnate in questa impresa”.

«Questo, in funzione del nuovo piano regionale sanitario, rimodulato alla luce dell’impiego delle somme stanziate con la misura sanità del Pnrr- conclude Pullara- che di conseguenza impone una revisione degli organigrammi aziendali esistenti oltre alla creazione di nuove realtà. Fermo restando che non si può considerare finita l’emergenza, allo stesso tempo è però indispensabile andare oltre l’attuale impostazione, per garantire cure a tutti con un’adeguata programmazione dell’utilizzo delle strutture e del personale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche