Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

L'appello del Nursind

«Precari Covid da stabilizzare, senza di loro si svuoterebbero i reparti»

Se n'è discusso nel corso della riunione del coordinamento regionale del sindacato degli infermieri, alla presenza delle segreterie provinciali.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. I precari Covid? «Sono doppiamente utili agli ospedali siciliani, perchè dopo aver affrontato l’emergenza sono stati man mano dirottati nei reparti sopperendo alla grave carenza di personale». Lo affermano dal Nursind Sicilia, secondo cui «la proroga e, soprattutto, la stabilizzazione, sono fondamentali per garantire l’assistenza ai cittadini».

Se n’è discusso nel corso della riunione del coordinamento regionale del sindacato degli infermieri, alla presenza delle segreterie provinciali. Tra i temi affrontati quelli relativi al rinnovo del contratti collettivo nazionale, all’obbligo vaccinale e alle prossime elezioni delle rappresentanze sindacali, oltre a tutta una serie di richieste e priorità avanzate dai lavoratori. Ma è il tema dei precari assunti per l’emergenza covid a tenere banco. È emerso infatti che questo personale, composto da migliaia di unità in Sicilia, è stato utilizzato inizialmente per fronteggiare l’emergenza per poi essere impiegato nella stragrande maggioranza dei casi per garantire i Lea, i livelli essenziali di assistenza sanitaria.

«Dunque senza una proroga si svuoterebbero interi reparti– affermano dal Nursind, che prosegue le interlocuzioni istituzionali per un percorso che possa anche portare alla stabilizzazione. Ieri è stata la volta dell’incontro con i portavoce del comitato dei precari, Nicola Faraone e Francesco Fragapane, e con il capogruppo dell’Udc all’Ars, Eleonora Lo Curto. Al confronto ha preso parte il coordinatore regionale del Nursind, Salvo Calamia, che ha illustrato la posizione del sindacato anche in merito all’articolo 92 contenuto nella legge di Stabilità nazionale che prevede una stabilizzazione per tutti gli operatori sanitari che hanno maturato 18 mesi di lavoro durante l’emergenza covid.

Il Nursind assieme ai portavoce dei precari ha chiesto all’onorevole Lo Curto, che è componente della commissione Bilancio all’Ars, di lavorare per dare uniformità sulle date di proroga contrattuali nelle varie aziende e porre le condizioni nell’Isola per applicare la normativa in divenire a livello nazionale in merito alle stabilizzazioni.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche