Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
consulenze legali stabilizzazioni agitazione amministrativi sciopero piano triennale precari Tar asp palermo ricorsi

ASP e Ospedali

L'incontro in assessorato

Precari amministrativi dell’Asp di Palermo, la Fials: «Ecco come potrebbero essere stabilizzati»

In una nota Vincenzo Munafò (segretario provinciale) e Giuseppe Forte (segretario provinciale aziendale) riepilogano i contenuti di un incontro avuto in assessorato e chiedono la convocazione di tutti i sindacati e le Rsu.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «Alcune soluzioni potrebbero passare attraverso una rimodulazione numerica del personale amministrativo all’interno delle categorie di appartenenza». Lo ha suggerito la Fials Confsal durante un incontro all’assessorato alla Salute riguardo alla vertenza dei precari amministrativi dell’Asp di Palermo che chiedono la stabilizzazione.

In una nota (leggi qui) firmata pure dai componenti Rsu ed inviata ad Insanitas, Vincenzo Munafò (segretario provinciale) e Giuseppe Forte (segretario provinciale aziendale) riepilogano la discussione avuta «con il Dirigente Generale e alcuni funzionari dell’assessorato sull’esigenza di trovare idonee soluzioni per fare uscire dal precariato storico i circa 651 contrattisti ex LSU».

«L’Asp di Palermo per quanto attiene il personale amministrativo risulta essere una piramide capovolta», affermano i due sindacalisti, aggiungendo che «il numero del personale inserito nella Dotazione Organica presentata dall’Azienda quale Collaboratore Amministrativo risulta essere di n. 202, gli Assistenti Amministrativi sono 165, mentre il personale Coadiutore Amministrativo è a malapena di circa 203 unità. Infine il personale con la qualifica di Commesso è soltanto di n. 31 in un territorio  molto esteso, determinando uno squilibrio fra il personale apicale e il personale posto alla base delle funzioni amministrative».

La Fials-Confsal ha aggiunto: «Non possiamo continuare a parlare di 651 contrattisti Coadiutori Amministrativi organizzativamente non collocati. Per almeno 100 di loro siamo già in condizione di ricoprire i posti già vuoti nell’attuale Dotazione Organica, mentre per almeno altri 200 potremmo trovare sistemazione, aggiungendoli al numero dei Coadiutori Amministrativi già esistenti in Azienda, al fine di riequilibrare una piramide organizzativa amministrativa che in questo momento non rappresenta l’ottimizzazione».

Il sindacato scrive: «Inoltre le esigenze organizzative interne di ordine tecnico-amministrativo necessitano ulteriormente di personale Autisti, Magazzinieri, Operatori CED, Centralinisti, che garantirebbero le intere esigenze, già dichiarate dall’Azienda in tutti gli atti deliberativi promossi, che garantirebbero la stabilizzazione, poiché non si è mai proceduto alle identificazioni mansionistiche».

Infine, dalla Fials Confsal sottolineano: «L’Assessorato ha preso atto delle disposizioni del D.A. 1380/2015 e della L. R. 27/2016, ritenendo, sua sponte, che le somme già individuate sono da intendersi storicizzate e quindi congelate ed utilizzabili soltanto per la stabilizzazione del personale precario. Inoltre ha ritenuto corretto informarci che la questione necessita di approfondimenti, per cui ha acquisito tutta la documentazione di cui la Fials era in possesso, per cominciare un lavoro di studio».

L’obiettivo, aggiungono dal sindacato, è «verificare le percorribilità applicative e giungere nell’arco di una settimana ad un confronto con tutte le organizzazioni sindacali, alla presenza dell’Azienda e dei Dirigenti e Funzionari dell’Assessorato, al fine di convenire positivamente sulla individuazione in un unicum di un percorso».

Dalla Fials concludono: «Nel ringraziare l’Assessorato per la disponibilità positiva mostrata, chiediamo una convocazione di tutte le organizzazioni sindacali e della RSU dell’Asp di Palermo, alla presenza dell’Azienda, non appena l’Assessorato avrà definito i propri approfondimenti e riterrà utile il confronto che ha garantito avverrà in tempi brevi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati