Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Lo studio dell'Anaao Assomed

«Posti letto internistici, in Sicilia sono raddoppiati negli ultimi due anni»

È quanto emerge da uno studio nazionale realizzato dall’Anaao Assomed in rapporto con il numero di abitanti per i reparti di medicina interna, pneumologia e malattie infettive.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. In Sicilia negli ultimi due anni i posti letto internistici sono raddoppiati. È quanto emerge da uno studio nazionale (clicca qui per scaricare la versione integrale) realizzato dall’Anaao Assomed, che ha analizzato, regione per regione, i posti letto al 2018, quelli attivati nel 2020 ed i rapporti con il numero di abitanti.

«Nel 2018  il rapporto tra posti letto e abitanti in Sicilia era 41,2, tra i più bassi d’Italia, molto al di sotto della media nazionale di 59,6, con gravi ripercussioni sulla salute pubblica e sulla aspettativa di vita media. Bisogna comunque riconoscere lo sforzo della regione Siciliana, che ha incrementato del 102,2% i posti letto internistici in due anni, raddoppiandoli, portando il rapporto posti letto internistici/100.000 abitanti a 83,4, ma ancora al di sotto della media nazionale di 103,5″, sottolineano dall’Anaao Assomed.

Nell’analisi il sindacato ha preso in considerazione i posti letto di medicina interna, pneumologia e malattie infettive, risalenti al 2018 (fonte: Ministero della Salute).

Quelli relativi al 2020 sono estrapolati dal sito internet dall’AGENAS su dati del Ministero della Salute e aggiornato periodicamente. È da tenere conto che l’AGENAS non prende in considerazione i posti letto di geriatria, che in questa fase pandemica vengono comunque occupati anche da malati COVID.

Secondo il sindacato medico italiano «attualmente le strutture sanitarie siciliane si trovano in difficoltà, in quanto i posti letto internistici sono saturati al 36% con malati COVID, poco al di sotto della soglia di sicurezza del 40% indicata dal Ministero della Salute».

Tuttavia, senza l’incremento considerevole dei posti letto avvenuto negli ultimi due anni, la situazione sarebbe tragica: «Se rapportassimo i ricoverati COVID al 16/11/20 con i posti letto internistici al 2018, avremmo un tasso di saturazione del 73,3%», sottolineano da Anaao Assomed.

Per quanto riguarda le altre Regioni, in base allo studio dell’Anaao Assomed sui posti letto internistici nel 2018 e quelli attivati nel 2020 con l’attuale numero dei ricoveri Covid-19, emerge un quadro drammatico: Piemonte saturo al 191%, Lombardia al 129%, Liguria al 118%, Lazio al 91%, Campania 87%.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati