Policlinico di Palermo, via libera a una nuova terapia antitumorale contro le metastasi ossee

13 Luglio 2016

Si tratta della radio-metabolica e da ieri è disponibile per i pazienti affetti da carcinoma prostatico ormonoresistente. Il manager Renato Li Donni: «Il trattamento prevede la somministrazione endovenosa di un radiofarmaco emettitore di particelle alfa (radio-223 dicloruro) che si lega selettivamente all'osso». Ecco come prenotarsi.

 

di

PALERMO. Da ieri al Policlinico di Palermo è disponibile una nuova terapia antitumorale. Si tratta della terapia radio-metabolica delle metastasi ossee in pazienti affetti da carcinoma prostatico ormonoresistente.

«Il trattamento- afferma il manager Renato Li Donni (nella foto di Vincenzo Ganci @Insanitas) prevede la somministrazione endovenosa di un radiofarmaco emettitore di particelle alfa (radio-223 dicloruro) che si lega selettivamente all’osso, in particolare alle aree interessate da metastasi, con trasferimento lineare di energia e conseguente effetto citotossico a livello delle aree bersaglio e limitato/assente effetto tossico sul midollo osseo sano».

La terapia con Radio 223 dicloruro riduce il rischio di compressione del midollo spinale e la necessità di ricorrere alla radioterapia per il controllo del dolore osseo. Pertanto, risulta ridotta l’incidenza di ospedalizzazione di questi pazienti con netto miglioramento della qualità di vita, prolungamento della sopravvivenza e riduzione della spesa sanitaria.

Il trattamento verrà effettuato in regime ambulatoriale nel reparto di Medicina Nucleare di cui è responsabile Renato Costa. L’intero ciclo della terapia prevede una somministrazione ogni quattro settimane per un totale di sei mesi.

La prenotazione potrà avvenire contattando telefonicamente il servizio di Medicina Nucleare (091.6552161) e/o via mail all’indirizzo [email protected]

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV