Policlinici

I dettagli

Policlinico Giaccone, potenziato l’organico della Cardiochirurgia

Il Commissario Straordinario, Maria Grazia Furnari ha affidato le funzioni assistenziali alla professoressa Calogera Pisano.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Il Policlinico “Paolo Giaccone” punta a incrementare ulteriormente l’attività di cardiochirurgia. Il Commissario Straordinario, Maria Grazia Furnari, ha, infatti, affidato le funzioni assistenziali alla professoressa Calogera Pisano. Con l’ospedalizzazione, e dunque l’equiparazione alla qualifica di dirigente medico, che attua concretamente il principio di inscindibilità dell’attività assistenziale da quella di didattica e ricerca che caratterizza le aziende ospedaliere universitarie, Pisano entra a pieno titolo nel team guidato da Vincenzo Argano, direttore dell’unità operativa di Cardichirurgia. «Sono sicura- dichiara la manager dell’AOUP- che la Professoressa Pisano, dato il suo percorso formativo, l’esperienza e l’entusiasmo, sarà una risorsa inestimabile per la nostra struttura e per i nostri pazienti».

La professoressa Pisano, dopo la laurea e la specializzazione in Cardiochirurgia presso l’Università di Palermo nell’aprile 2013, ha maturato il suo percorso accademico a Roma presso l’università Tor Vergata, dove è Direttrice della Scuola di Specializzazione in Cardiochirurgia e Presidente del Corso di Laurea in Tecniche della Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Nel suo curriculum anche una lunga esperienza all’estero dove ha svolto un training di Cardiochirurgia presso il Papworth Hospital NHS Foundation di Cambridge e presso il Royal Sussex County Hospital di Brighton.

Ha conseguito il dottorato internazionale in “Microbiologia, Immunologia, Malattie Infettive e dei Trapianti” presso l’Università di Roma “Tor Vergata” nel gennaio 2021. È autrice di circa 100 pubblicazioni scientifiche, di cui 75 articoli scientifici pubblicati su riviste di rilevanza nazionale ed internazionale e ha partecipato a 1070 interventi cardiochirurgici, in 200 dei quali come primo operatore.

«Il mio obiettivo- afferma la professoressa Pisano- è quello di riattivare la parte accademica dell’unità operativa di cardiochirurgia e di riaprire la scuola di specializzazione per la formazione dei cardiochirurghi del futuro. A tal fine vorrei creare una rete formativa e di ricerca di eccellenza, instaurando rapporti di collaborazione con altre sedi universitarie e con colleghi di altre discipline, a cominciare dai genetisti, gli anatomo patologi e i radiologi, e al contempo portare avanti i programmi di cardiochirurgia minivansiva e microinvasiva implementando le tecnologie e la robotica».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche