Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
Policlinico di Messina prelievo organi maxi tumore adenomi ipofisari meningite energia elettrica portale web tumori neuroendocrini

Policlinici

Stato di agitazione

Policlinico di Messina, sindacati sul piede di guerra: «No a nuove figure dispendiose»

Nursind, Flc Cgil, Cisl Università, Uil Scuola Rua e Usb hanno proclamato lo stato di agitazione «dopo che l'azienda ha comunicato l'intenzione di rivedere il modello organizzativo istituendo la figura dei Rid, i Responsabili infermieristici dipartimentali».

Tempo di lettura: 2 minuti

Il personale del comparto del Policlinico “G. Martino” di Messina è sul piede di guerra. I sindacati Nursind, Flc Cgil, Cisl Università, Uil Scuola Rua e Usb hanno proclamato lo stato di agitazione «dopo che l’azienda ha comunicato l’intenzione di rivedere il modello organizzativo istituendo la figura dei Rid, i Responsabili infermieristici dipartimentali».

Insanitas è pronta a pubblicare un’eventuale replica del Policlinico messinese.

Intanto, in un comunicato stampa i sindacati sottolineano: «Si tratta di figure che riceverebbero indennità dal fondo del personale: insomma, mentre restano criticità in organico, mentre gli Oss attendono di essere immessi in pianta organica, si riduce il budget a tutta la platea di dipendenti per destinarlo a pochissimi».

«Tra l’altro- spiegano i sindacalisti Latella, Di Renzo, Fallico, Alessandrino e Lisitano- l’istituzione dei Rid è stata più volte respinta così come la nuova organizzazione, che appare solo generatrice di confusione e rischia di scaricare sui direttori responsabilità amministrative e sindacali che sono in capo alla governance dell’azienda. Questa decisione rischia pure di creare malumori tra il personale che, già gravato di pesanti carichi lavorativi dovuti a una dotazione organica che appare non adeguata, si vede senza alcuna trasparenza “trasferito” continuamente di sede».

«E non dobbiamo dimenticare- aggiungono i sindacati- che l’istituzione dei Rid comporta un costo e quindi una modifica dei fondi contrattuali, modifica che è di pertinenza della contrattazione integrativa e non oggetto di semplice informativa, ponendosi in caso contrario i presupposti del comportamento antisindacale che ci riserveremmo di perseguire ove ne ricorressero i presupposti».

Dunque i sindacati chiedono di «non procedere alla nomina dei Rid perché dispendiosa e con le stesse risorse si potrebbero fare numerosi passaggi orizzontali. Auspicano l’immediata assunzione di personale infermieristico e l’inquadramento del personale ausiliario Ota interno già formato o in possesso del titolo in Oss».

I sindacati hanno quindi chiesto l’autorizzazione a svolgere un’assemblea del personale interessato per il 7 febbraio, dalle 11, presso l’auletta A sita al secondo piano del padiglione Ni. E in occasione della riunione con l’azienda fissata per martedì prossimo, a mezzogiorno, nella stessa auletta, hanno organizzato un si-in di protesta del personale del comparto.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati