Policlinico di Messina, Laganga: «Lascio un’azienda migliorata e risanata nei conti»

25 Giugno 2020

Il direttore generale dal primo luglio sarà alla guida del Maugeri di Pavia. Il rettore Cuzzocrea: «Entro lunedì invieremo all'assessore Razza la lista di cinque nominativi tra i quali sarà scelto d'intesa il nuovo dg».

di Valentina Campo

MESSINA. Ora è ufficiale, dall’1 luglio il direttore generale del Policlinico G. Martino, Giuseppe Laganga, lascerà l’incarico. La decisione è stata motivata nel corso della conferenza stampa che si è tenuta al Palacongressi del Policlinico, e a cui hanno partecipato il rettore Salvatore Cuzzocrea e l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, collegato via Skype.

Laganga andrà a ricoprire il ruolo di direttore di una società privata, ovvero gli Istituti clinici scientifici Maugeri di Pavia, cogliendo un’occasione importante per la propria carriera.

«Lascio questa azienda dopo 12 anni- ha affermato il d.g. uscente- Sono stato prima nominato commissario e poi direttore generale, ma non posso non ricordare il grande lavoro svolto per risanare il bilancio, che permette al Policlinico oggi di non essere in piano di efficientamento econonico e di avere performance assistenziali al di sopra della media nazionale».

Durante il suo intervento, il rettore Cuccocrea ha detto: «Siamo soddisfatti del lavoro svolto qui da Laganga, personalmente avrei voluto che fosse rimasto con me per tutta la durata del suo mandato. Ho già interloquito con l’assessore Razza, mi ha inviato una nota per indicare cinque nomi tra i quali scegliere d’intesa il successore dell’attuale dg, cosa che sarà fatta certamente entro lunedì. Trovare un altro Giuseppe Laganga non sarà semplice. Ma il principio sarà sempre lo stesso: guarderò esclusivamente il curriculum e le competenze dei candidati».

Da parte sua, Razza ha sottolineato: «Sono rammaricato che Laganga lasci il Policlinico, tuttavia si avvia a fare un’esperienza professionale molto importante. Il fatto che un istituto del nord abbia scelto lui è il segno di una bella Sicilia che si fa valere, soprattutto in un momento così critico per la Sanità. Il Policlinico di Messina da lui diretto è stato un punto di riferimento durante l’emergenza nella fase più acuta”.

”Il suo è stato un mandato di qualità- ha aggiunto l’assessore- e sarà difficile per chi verrà dopo, confrontarsi con ciò che ha realizzato. Insieme al rettore, stiamo prima avviando la procedura di scelta del commissario e poi provvederemo a quella del direttore generale”.

In apertura, il Direttore sanitario Antonino Levita ha inaugurato “virtualmente” gli ultimi progetti realizzati, per i quali a causa dell’emergenza Covid non è stato possibile, nei mesi scorsi, organizzare specifiche iniziative. Ma, seppur fortemente impegnata sul fronte della pandemia, l’Azienda ha proseguito nei lavori.

Così, oggi, sono a disposizione dell’utenza: un nuovo comparto di Terapia intensiva post operatoria per complessivi 5 posti letto al Pad. F; una rinnovata Terapia intensiva post operatoria al Padiglione H; un nuovo Hospice nell’ambito dell’Oncologia medica, al Padiglione H; una nuova sala operatoria integrata di endoscopia e chirurgia al Padiglione F (la prima sala ISO 5 della provincia di Messina); due nuove sale angiografiche al Padiglione E; una Stroke unit, completamente rinnovata, al Padiglione E.

Ed ancora: una nuova area presso la quale centralizzare tutti gli ambulatori delle strutture ubicate nel Padiglione H (endocrinologia, neurologia e dermatologia); 4 stanze di degenza presso la Neuropsichiatria infantile (Padiglione NI), ora dotata di 13 posti letto per ricoveri ordinari; il nuovo reparto di Ematologia al Padiglione H; la stanza del “Codice rosa” al Pronto Soccorso, dedicata alle vittime di abusi e violenze.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV