Policlinici

Il caso

Policlinico di Messina, il Nursind: «Pronto soccorso in uno “sgabuzzino”»

Il sindacato chiede alla Regione e alla direzione aziendale lo sblocco dei lavori del nuovo pronto soccorso.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. «Dovevano durare sei mesi i lavori al Policlinico di Messina e invece dopo tre anni sono ancora al palo. Tanto che il pronto soccorso continua a essere ricavato da una stanza, una sorta di sgabuzzino, con tutti i disagi del caso». Lo denuncia il sindacato Nursind che continua la dura battaglia a tutela di tutti gli operatori sanitari coinvolti e della cittadinanza.

«È veramente scandaloso – dice Massimo Latella, segretario aziendale del Nursind Policlinico – che dopo tre anni per dei lavori al padiglione E che dovevano durare sei mesi il Pronto Soccorso sia in una sorta di sgabuzzino ricavato al padiglione C che doveva essere temporaneo ma è diventato permanente, con una serie di disagi che vengono creati agli operatori e dall’utenza. Mancanza di privacy, liste d’attesa infinite, sorveglianza carente, un Osservazione Breve scomparsa da tempo per carenza soprattutto di personale medico che ha creato molti disastri all’interno di tutta la catena assistenziale ospedaliera».

La segreteria provinciale del Nursind, guidata da Ivan Alonge, chiede quindi «alla Regione ed alla direzione aziendale lo sblocco dei lavori del nuovo pronto soccorso al più presto, per garantire alla cittadinanza un’area di emergenza idonea per un hub di secondo livello quale siamo come struttura. Nel frattempo si deve immediatamente salvare il salvabile nella struttura attualmente esistente al padiglione C cercando di porre i correttivi necessari a ridurre al minimo i disagi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche