Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
fimmg luigi galvano

Dal palazzo

La polemica

«Pochi medici di famiglia impegnati contro il Covid? Falso, Musumeci così ci offende»

Il segretario generale della Fimmg Sicilia, Luigi Galvano, replica alle considerazioni critiche fatte dal presidente della Regione sull'apporto alle vaccinazioni dato dai medici di medicina generale.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «Oggi i Medici di medicina generale sono offesi dopo tutto l’impegno e il sacrificio che hanno profuso per i siciliani sentendosi dire che vaccinerebbero poco per il Covid». Lo scrive Luigi Galvano, segretario generale della Fimmg Sicilia, in una lettera aperta diretta a Nello Musumeci, in risposta alle considerazioni critiche fatte dal presidente della Regione durante la conferenza stampa di stamattina.

Ecco il testo della missiva:

«Illustre Presidente On. Musumeci, abbiamo vaccinato in meno di due mesi (da Ottobre a Dicembre 2020) oltre 1.200.000 cittadini siciliani per l’influenza e la polmonite. Ce ne siamo dimenticati? Siamo diventati nel giro di pochi mesi imperiti e impediti? Oggi i Medici di medicina generale sono offesi dopo tutto l’impegno e il sacrificio che hanno profuso per i siciliani sentendosi dire che vaccinerebbero poco per il Covid. È facile per Lei scaricare su una categoria l’ulteriore criticità della sanità siciliana. È fallito il sistema di tracciamento dei pazienti Covid positivi e dei loro contatti stretti, per insufficienza operativa dei Dipartimenti di Igiene pubblica, che costringevano i guariti a rimanere in quarantena a casa per mancata emissione del provvedimento di liberazione. Con cinque ordinanze, l’ultima ieri, successive da dicembre 2020 ha affidato ai Medici di famiglia tale compito investendoli del ruolo di operatori di sanità pubblica (ruolo non negoziato) e la medicina generale con grande impegno e con molto sacrificio con ore ed ore di lavoro al giorno da allora ha emesso i provvedimenti di Contumacia e di liberazione, risolvendo un grande problema sociale».

L’Assessorato per la vaccinazione ci ha chiamati al tavolo con molto ritardo (mesi) rispetto alle altre Regioni per organizzare il nostro contributo per entrare in campo nella vaccinazione anti-covid pubblicando il relativo decreto sulla GURS in data 26 Marzo con notevole ritardo e ha inviato alle ASP la circolare esplicativa all’accordo solo dopo che il sottoscritto ha sollecitato l’Istituzione attraverso i media. La maggioranza dei medici hanno aderito all’Accordo regionale nelle sue varie articolazioni, adesione che è in crescita, nonostante siamo arrivati per ultimi e non per nostra causa».

Si applichi, piuttosto in maniera diffusa e prioritaria il nostro accordo in tutte le ASP non ancora interamente applicato. Cosa ancora più importante dati ai Medici di medicina generale dei vaccini per tutelare i soggetti fragili, visto che allo stato attuale i medici vaccinano spesso con le dosi residue, spesso rimandati indietro nonostante avere prenotato almeno 48 prima. Se non si invertiranno tali dinamiche a poco a poco i medici si allontaneranno dalla vaccinazione anziché aderire sempre più come sta avvenendo ora».

Prima vanno riforniti i medici di famiglia e i centri di periferia vicini a dove i pazienti vivono e lavorano, poi i grandi Hub. Ai medici di famiglia vanno dati i vaccini che possono stare in frigo almeno 30 giorni e non queli che scadono dopo 5 giorni contringendoli a onerosi andirivieni dalla farmacie aziendali distanti anche 30-40 chilometri dal loro studio e spesso sentendosi dire che i vaccini non ci sono o ne possono dare meno dopo essersi sobbarcati l’onere della strada e di avere prenotato i pazienti».

Il Segretario generale FIMMG

Luigi Galvano

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati