Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Salute e benessere

Pro e... contro

Plusdotati, un talento in dono ma pure svantaggi: a Palermo un centro di supporto

L'iniziativa di "Virtualmente Centro studi e ricerche per apprendimento - Apprendo Onlus" in rete con l'associazione nazionale Step-net onlus. L'11 dicembre un webinar gratuito di approfondimento sul tema.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Avere talento è un dono. Ma questo dono deve essere supportato, stimolato, sviluppato. È quello di cui hanno bisogno i “plusdotati” o “gifted”, ragazzi caratterizzati da un alto potenziale cognitivo.

Se ne parla più spesso al giorno d’oggi, ma la plusdotazione è in realtà un tema di cui bisogna avere più consapevolezza e di fronte al quali si avverte la necessità di potenziare le sinergie a supporto, anche perché secondo alcune stime i plusdotati rappresentano circa il 5% degli studenti italiani.

Nel 2018 è stato costituito presso il Miur un tavolo tecnico per redigere le linee guida sulla plusdotazione, si attende che le stesse vengano emanate.

I ragazzi plusdotati dimostrano capacità di apprendimento e curiosità intellettuale molto sviluppate, che talvolta possono risultare uno svantaggio nel contesto scolastico e formativo standard: possono ritrovarsi soli e, in qualche modo, perdere interesse ad apprendere, con conseguenze negative sul percorso di crescita, scolastico e individuale.

Da questa constatazione si concretizza l’impegno di “Virtualmente Centro studi e ricerche per apprendimento – Apprendo Onlus”. Questa realtà che da diversi anni svolge attività che vanno dalla diagnosi al potenziamento, al doposcuola specialistico, al counseling e ai colloqui con gli insegnanti, per far crescere i ragazzi nel loro percorso individuale verso l’autonomia e l’autostima, è diventata a Palermo il primo centro, e al momento l’unico in Sicilia, a supporto dei ragazzi plusdotati e delle loro famiglie, in rete con l’associazione nazionale Step-net onlus.

«I bambini e i ragazzi con questa tipologia di profilo- precisa Sara Ferina, responsabile del centro Virtualmente- spesso potrebbero manifestare sentimenti negativi verso se stessi, verso il contesto scolastico, perdendo curiosità, motivazione ad apprendere e interesse, ritirandosi dalle relazioni sociali e attuando azioni disfunzionali. Si genera così il fenomeno dell’underachievement, che porta alla disaffezione scolastica e all’abbandono del percorso di studi e, nei casi peggiori, all’emarginazione. Per questo è di fondamentale importanza identificarli precocemente per individuare le caratteristiche cognitive e psicologiche. Oggi Virtualmente fornisce questo servizio alle famiglie e ai bambini, al fine dell’individuazione precoce delle loro caratteristiche, per sostenere, sviluppare i loro talenti e prevenire il disagio scolastico e sociale».

E sul tema plusdotazione è in programma venerdì 11 dicembre dalle ore 17.30 alle 19, il webinar gratuito di approfondimento “Plusdotazione e oltre …” dedicato a genitori, insegnanti, educatori e psicologi, organizzato da Step-net, CTS Gifted Aps e Virtualmente.

«Il webinar in programma venerdì- spiega Ferina- è certamente un’occasione per parlare di come supportare e potenziare l’apprendimento dei bambini e dei ragazzi plusdotati, ma anche degli stili di insegnamento e di apprendimento e di come attivare una rete virtuosa con la scuola».

All’incontro sulla piattaforma zoom, oltre a Sara Ferina, responsabile del Centro Virtualmente, interverranno per Step-net onlus la presidente Viviana Castelli e Sara Riscazzi, responsabile del comitato scuola.

Per partecipare occorre inviare un’email a [email protected] (iscrizione obbligatoria).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati