Case di cura

La nota

Piano della Regione contro le liste d’attesa, l’Aiop Palermo: «Importante svolta»

Il presidente provinciale Luigi Triolo: «Dalle case di cura grande interesse e immediata disponibilità»

Tempo di lettura: 2 minuti

«Il piano della Regione per ridurre le liste d’attesa in Sanità tende a sanare una delle principali piaghe della sanità siciliana, si è trovato uno strumento che permetterà di superare le difficoltà che fino a questo momento hanno afflitto i nostri concittadini bisognosi di prestazioni sanitarie».

Lo afferma Luigi Triolo, presidente provinciale di Aiop Palermo, commentando il piano presentato nei giorni scorsi in conferenza stampa dalla Regione (CLICCA QUI) ed aggiungendo: «È ora il tempo di collaborare tutti alla soluzione del problema. Leggiamo, quindi, con estremo interesse e favore il piano esitato dalla Regione Siciliana».

«Inutile stare disquisire su quelle che sono state le cause che hanno implementato le liste d’attesa che vedono numerosissimi pazienti privati della possibilità di godere di quello che è un diritto fondamentale vale a dire il diritto alla salute- sottolinea Riolo- Nei fatti chi ha richiesto prestazioni sanitarie non esaudite sarà contattato da un organo appositamente istituito che chiederà loro se hanno ancora necessità di godere di tali cure o se hanno già risolto le loro problematiche. In caso di necessità ancora presente gli stessi avranno indicato il luogo dove curarsi a secondo delle relative disponibilità. Laddove non ci fosse disponibilità in tempi brevissimi da parte delle aziende sanitarie di diritto pubblico ad esaudire tale richiesta saranno proposte le strutture ospedaliere di diritto privato.  In tale modo appare evidente che sarà agevole trovare un luogo di cura, gradito all’utente, pronto a soddisfare la richiesta».

Il presidente di Aiop Palermo aggiunge: «Le case di cura della provincia di Palermo da me rappresentate hanno manifestato grande interesse per il piano esitato e manifestano la loro disponibilità immediata a fornire a tutti i cittadini che ne facessero richiesta tramite il Cup regionale ad esaudire tutte le richieste di prestazioni sia terapeutiche che diagnostiche. Invitiamo quindi tutti i cittadini a rispondere all’organo regionale che li contatterà».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche