Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
muore puntura d'ape

ASP e Ospedali

Coronavirus

Percorsi non separati al pronto soccorso? Scoppia il caso a Biancavilla

Ci sarebbero stati 17 pazienti Covid negli stessi ambienti di malati con altre patologie. Fials all'attacco, la direzione replica: "Sono divisi, c’è stato un sovraccarico che ha generato confusione".

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. Al Pronto Soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla personale e utenti stremati. Da questa notte, come si è già visto nel caso dell’ospedale di Acireale, ambulanze stazionano nei pressi del nosocomio per accedere ai servizi ospedalieri. Vi sono stati- come apprendiamo nell’ambiente sanitario – 17 pazienti Covid negli stessi ambienti di malati con altre patologie.

Sarebbero dunque “saltati” gli adeguati percorsi che separano i contagiati dai non contagiati, creando una situazione stressante sia per gli operatori sanitari che bardati si rapportano indifferentemente con persone positive al Coronavirus e gli altri ammalati, che per i pazienti stessi.

“La situazione di tutti gli ospedali della provincia è al limite della sostenibilità – afferma Agata Consoli, della segreteria provinciale della Fials di Catania- Pertanto chiediamo agli organi preposti di sensibilizzare i responsabili dei reparti Covid ad un più rapido turnover dei ricoverati mediante il ricorso a dimissioni protette nelle Rsa e nei Covid Hotel, non appena le condizioni dei pazienti lo consentano”.

Per eccesso di zelo, scarsa organizzazione o motivazioni poco comprensibili sembra che i pazienti nelle condizioni di lasciare l’ospedale, perché non necessitano di cure marcatamente ospedaliere in sub-intensiva o intensiva, con ad esempio, ossigenoterapia e ausili alla respirazione rimangano in regime di ricovero per più giorni.

L’ospedale di Biancavilla– secondo il prospetto realizzato dall’Assessorato alla Salute sui posti Covid da attivare in tutta la Sicilia entro novembre – avrebbe dovuto già attivare 40 posti dedicati. Così non è. I posti di Ortopedia (10) così come quello di Chirurgia (14), convertiti in reparti Covid sono già saturi, stessa cosa per gli 8 posti di terapia intensiva.

Nel primo pomeriggio per correre ai ripari il nosocomio starebbe aprendo 8 posti nel reparto di Pediatria, che sarà anch’esso convertito. Dalle testimonianze comunque non sembrerebbero ancora sufficienti a smaltire tutti gli accessi al Pronto Soccorso.

LA REPLICA

Dalla direzione medica del presidio affermano: “In merito ai percorsi per pazienti “Covid” e “non Covid” commistione non ce n’è. I percorsi sono infatti divisi. Evidentemente c’è stato un sovraccarico che ha generato confusione. Stamane in ogni caso sono arrivati 4 medici, un Oss e si attendono altri infermieri per rafforzare il personale”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati