Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Rubrica "L'angolo di Ipazia"

Paurosa e terribilmente lenta nel decidere, la burocrazia è l’eutanasia del sistema sanitario…

L'ANGOLO DI IPAZIA. Senza una vera volontà di dare una svolta alla qualità dell'assistenza, si demotiva il personale degli ospedali e si accresce il senso di sfiducia degli utenti nei confronti della Sanità pubblica.

Tempo di lettura: 2 minuti

Trasferita in sanità, l’inerzia decisionale è eutanasia del sistema. Il rischio dell’eutanasia è la distruzione delle cose buone del sistema, di quelle che funzionano e di quelle che si accingono a funzionare e a cui manca la spinta determinante per la svolta.

È lo svilimento dei sacrifici e della passione di chi si è impegnato e si impegna ostinandosi a credere in un futuro migliore.

È la demotivazione del personale, la rassegnata accettazione del “ma tanto le cose vanno così e non ci possiamo fare nulla”.

È lo spreco del valore straordinario di professionisti che hanno investito nel fare il bene possibile.

È l’andamento lento dei problemi che si evitano, rinviandoli ai posteri con gli interessi.

È la metastasi delle neoplasie del sistema che trova spazio dove si lasciano i vuoti.

È la inevitabile perdita di fiducia nel servizio pubblico e nelle istituzioni che lo rappresentano perché spesso perdono di vista la Persona ma non i singoli interessi nei quali si cerca il tornaconto.

È l’incapacità di comprendere che si ha nelle mani la cura della vita dell’Uomo, dal concepimento al suo compimento.

È lo sconforto dei più deboli che già si sentono poco e che si sentiranno ancora meno.

È l’accrescersi della voragine delle disuguaglianze che ci sono -anche se non le vogliamo- e resistono.

La burocrazia e la comodità della non-decisione hanno liberato gli effetti tossici dei diritti senza doveri.

Al più, la manutenzione ordinaria. Ma anche questa non è da preferire. È un limite. È la mancata opportunità di provarci.

IPAZIA

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati