Policlinici

La buona Sanità

Patologie ematologiche, al Policlinico Giaccone nuove sperimentazioni cliniche per la cura

L'unità operativa diretta dal professore Sergio Siragusa si conferma in prima linea nella ricerca per la cura delle patologie del sangue.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. L’Ematologia del Policlinico di Palermo ha avviato nuove sperimentazioni cliniche sull’efficacia di innovativi farmaci immunoterapici ed è stata identificata come centro erogatore della terapia genica per i pazienti affetti da Emofilia A congenita. L’unità operativa diretta dal professore Sergio Siragusa (nella foto) si conferma in prima linea nella ricerca per la cura delle patologie del sangue.

«Tale impegno- spiega Siragusa- ci consente di garantire ai nostri pazienti il massimo delle cure qui in Sicilia. Attualmente stiamo conducendo diversi studi in fase II/III, ossia la fase in cui si determina l’efficacia ed il rapporto costo-beneficio del nuovo farmaco rispetto alla terapia standard. Nell’ambito della terapia del Mieloma Multiplo e delle Neoplasie Mieloproliferative siamo tra i pochi centri Italia e, per lo studio “MAGNETISM” e “TRASFORM2” gli unici nella Sicilia Occidentale, a sperimentare le nuove terapie intelligenti che “rieducano” il sistema immunitario a riconoscere come estranea la cellula tumorale.

Nel campo da malattie ematologiche non neoplastiche, gli specialisti del Policlinico conducono la ricerca “PATHFINDER” che pone attenzione allo studio articolare dei pazienti affetti da coagulopatie congenite quali l’Emofilia. Sempre in questo campo, il Policlinico di Palermo è stato identificato dall’assessorato regionale della Salute come centro erogatore della terapia genica per i pazienti affetti da Emofilia A congenita.

«L’unità operativa di Ematologia- afferma Maria Grazia Furnari, Commissario straordinario del Policlinico “Paolo Giaccone”- segue oltre 1100 pazienti l’anno per terapie oncologiche in Day hospital e Day surgery, fa oltre 8mila visite ambulatoriali e oltre 250 ricoveri in regime ordinario. Tutti numeri che dimostrano come i nostri specialisti stiano diventando un punto di riferimento importante e confermano la valenza strategica dell’AOUP come punto di raccordo tra didattica ricerca e assistenza. Per questo ringrazio il grande lavoro del professore Siragusa e di tutto il suo staff che portano avanti una ricerca di elevata qualità da cui nascono i percorsi che portano alla guarigione del paziente».

Delle nuove cure si parlerà a Palermo il 21 e 22 marzo 2024 nell’ambito del 3° Convegno Regionale della Società Italiana di Ematologia (SIE), presieduto da Siragusa. Il convegno (CLICCA QUI per il programma) vedrà la partecipazione di illustri ospiti provenienti da rinomati centri di ricerca nazionali, con l’obiettivo di discutere le più recenti novità nel campo dell’ematologia.

«Questo evento- sottolinea il Prof. Siragusa- costituisce un elemento di notevole rilevanza nell’aggiornamento degli ematologi siciliani e nella formazione dei futuri specialisti».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche