Passano all’INPS le funzioni di accertamento di invalidità civile e disabilità in quattro province siciliane

16 Giugno 2017

Il protocollo promosso dall'Assessorato alla Sanità, ancora in fase sperimentale, disciplina l'affidamento dalla Regione Siciliana all'Inps delle funzioni di accertamento e della rivedibilità dei requisiti sanitari di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità di competenza delle aziende sanitarie provinciali di Caltanissetta, Enna, Messina e Trapani.

 

di

È stato firmato il protocollo d’intesa sperimentale tra l’assessorato alla Salute della Regione Siciliana e l’Inps per l’affidamento delle funzioni relative all’accertamento dei requisiti sanitari in materia di invalidità civile e handicap. Il documento è stato firmato dall’assessore alla Salute Baldo Gucciardi, dal direttore regionale dell’Inps Sergio Saltalamacchia, dal direttore generale dell’assessorato Ignazio Tozzo e dai direttori di quattro aziende sanitarie provinciali: Carmelo Iacono (Asp Caltanissetta), Giovanna Fidelio (Asp Enna), Gaetano Sirna (Asp Messina) e dal commissario straordinario Giovanni Bavetta (Asp Trapani).

Con il protocollo le parti disciplinano l’affidamento dalla Regione Siciliana all’Inps delle funzioni di accertamento e della rivedibilità dei requisiti sanitari di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità di competenza delle aziende sanitarie provinciali di Caltanissetta, Enna, Messina e Trapani. Grazie a questa intesa verrà effettuata una sola visita di accertamento da parte dell’Inps, invece di svolgere una seconda revisione da parte dell’Istituto di previdenza, che si occuperà anche di effettuare visite domiciliari ai pazienti con particolari patologie.

“Il protocollo è stato firmato dopo una fase di sperimentazione che ha prodotto risultati soddisfacenti – sottolinea l’assessore Gucciardi – e in un’ottica di contenimento dei costi delle commissioni mediche delle Asp che gravano sul Servizio sanitario regionale. Inoltre, i recenti procedimenti legislativi dello Stato rafforzano proprio il ruolo dell’Inps nei procedimenti per l’ottenimento dei benefici in materia di invalidità civile. Per questa ragione abbiamo deciso di rinnovare l’accordo fino al 31 dicembre del 2017, che permetterà anche di ridurre i tempi di attesa di chi aspetta il beneficio”.

La cabina di regia costituita presso l’assessorato alla Salute effettuerà il monitoraggio e la verifica delle attività previste nel protocollo d’intesa, che potrà essere rinnovato alla scadenza.

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV