Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

In via La Loggia

Palermo, taglio del nastro per il Centro diurno Alzheimer del presidio Pisani: è il quinto dell’Asp

Si trova in via La Loggia e può assistere 25 persone al giorno affette da “demenza moderata-severa associata a turbe del comportamento”.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Ampi locali ristrutturati, una cucina, servizi igienici, uno spazio di aggregazione ed un giardino. È stato attivato questa mattina (venerdì 20 gennaio) al Presidio “Pisani” di via La Loggia – alla presenza tra gli altri del sindaco, Leoluca Orlando, dell’Assessore Agnese Ciulla, del Direttore generale dell’Asp, Antonio Candela e del Direttore sanitario, Giovanna Volo – il quinto Centro Diurno Alzheimer dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo.

Può assistere 25 persone al giorno affette da “demenza moderata-severa associata a turbe del comportamento”. L’Azienda sanitaria ha curato con propri fondi (60 mila euro) la ristrutturazione e riqualificazione di locali e giardino, mentre la gestione è assicurata grazie ad un finanziamento di 231.300 euro (Legge 328) che il Comune di Palermo ha trasferito all’Asp.

“Studi clinici approfonditi – ha sottolineato il manager dell’Asp, Antonio Candela– hanno dimostrato che l’assistenza nei Centri Diurni Alzheimer è significativamente efficace nel ridurre i disturbi del comportamento e lo stress dei familiari. La finalità della struttura è anche di ritardare il percorso della malattia limitando, così il ricorso ai ricoveri impropri in Ospedale. Il Centro Diurno di via La Loggia, così come gli altri 4 dell’Azienda, fa parte di una rete di servizi la cui ‘porta d’ingresso’ è rappresentata dai medici di medicina generale che individuano i pazienti e li inviano ai Centri per Disturbi Cognitivi e Demenza (ex Unità Valutative Alzheimer, ndr) dell’Asp dove la persona è valutata sia dal punto di vista cognitivo e comportamentale che delle patologie accusate. Sono questi ultimi Centri che individuano il percorso assistenziale da attivare attraverso i CDA, l’assistenza domiciliare integrata (ADI) oppure le strutture residenziali (quando il paziente non è più assistibile a domicilio per motivi clinici o sociali, ndr)”.

La demenza, malattia cronico degenerativa, è stata definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità “una priorità di salute pubblica”. L’Italia è uno dei paesi europei più anziani e quasi il 17% della popolazione, per un totale di 9,5 milioni, ha superato i 65 anni di età.

«Sono in aumento- ha spiegato il Responsabile del Centro di Riferimento Regionale Demenze Senili-Alzheimer dell’Asp di Palermo, Marcello Giordano – tutte le malattie croniche legate all’età, e tra queste le demenze, di cui la malattia di Alzheimer è la forma più frequente (60% di tutte le demenze, ndr). Nel territorio dell’Asp sono 16.810 le persone affette da demenza e tra queste 10.086 da malattia di Alzheimer. Sono dati in linea con quelli nazionali ed internazionali. La prevalenza della demenza nei paesi industrializzati è circa l’8% negli ultrassessantacinquenni e sale ad oltre il 40% dopo gli 80 anni».

A seguito di “procedura aperta”, è stata la società Azione Sociale Onlus di Caccamo, ad aggiudicarsi il servizio (per 16 mesi) del Centro Diurno Alzheimer di via La Loggia, struttura di riferimento per i residenti a Palermo e nei Comuni che fanno parte del Distretto Sociosanitario 42, e cioè Altofonte, Belmonte Mezzagno, Lampedusa e Linosa, Monreale, Piana degli Albanesi, Santa Cristina Gela, Ustica e Villabate.

Nel Centro Diurno di via La Loggia, aperto tutti i giorni dal 8 alle 18, lavorano 18 persone, tra cui tre psicologi. Gli altri CDA dell’Asp si trovano al Presidio Enrico Albanese di Palermo, a Caccamo, Carini e Palazzo Adriano.

La dichiarazione del sindaco Orlando
«Voglio porgere il mio apprezzamento al direttore generale dell’Asp, Antonio Candela, per questa nuova importante struttura che arricchisce l’offerta socio-sanitaria sul territorio comunale. Anche questo centro si può inserire nel percorso di cambio culturale della nostra città e in quello dell’autostima che all’interno della nostra comunità cresce sempre di più. È un nuovo importante risultato, frutto di una proficua collaborazione istituzionale nell’ambito della legge 328».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati