Dal palazzo

Il servizio video di Insanitas

Palermo, emozionante giro in Ferrari per i piccoli pazienti oncologici

All'università è si svolto l'evento "Ricomincio da me" di Aslti in collaborazione con la Scuderia Ferrari Club Palermo.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. I bambini e le bambine a bordo della rossa più amata. Una giornata di gioia, divertimento e amore per lo spor per i piccoli pazienti oncologici. Questa mattina, all’interno dell’Università di Palermo davanti all’edificio 8 che ospita il Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi, si è svolto l’evento “Ricomincio da me” di Aslti. Il giro su una Ferrari è stato organizzato dall’associazione siciliana contro le leucemie e i tumori infantili, in collaborazione con la Scuderia Ferrari Club Palermo.

“Non avevamo dubbi sul successo dell’iniziativa – sottolinea Antonella Gugliuzza presidente di Aslti – quando lo abbiamo proposto l’adesione è stata immediata, ci sembra un momento in linea con il nostro progetto, realizzato con il contributo del Ministero delle Politiche sociali, il progetto, infatti, ha come obiettivo l’incoraggiamento per la ripartenza e per la ripresa di una nuova fase di vita dopo i periodi, altrettanto importanti, delle cure e della permanenza in ospedale”.

“È una grande festa – commenta Pietro Purpura, presidente Scuderia Ferrari Club Palermo -stiamo cercando di alleviare la sofferenza dei piccoli siamo orgogliosi di essere qui, visto l’entusiasmo ripeteremo sicuramente l’esperienza, anche perché il sostegno alle associazioni impegnate nel sociale rientra nella nostra mission”.

“È un’occasione particolare – dice Piero Farruggia dirigente medico Unità operativa di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Civico di Palermo – perché ci si vede fuori dei luoghi più classici e sicuramente meno felici di questo. Un momento di gioia e di rilassatezza utile a creare anche l’effetto gruppo”.

La “festa in rosso” ha entusiasmato i piccini ma anche i loro genitori. “Stupefacente – commenta il papà di una piccola paziente – non ho parole per esprimere la felicità che provo, sicuramente per mia figlia è qualcosa di eccezionale”.

Al giro sulle Ferrari hanno partecipato anche altri pazienti seguiti nell’unita operativa di oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Civico a testimonianza dei necessari momenti di “umanizzazione” nel percorso delle terapie. La mattina si è conclusa con la visita al Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1


    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche