osteoporosi

Blog

Osteoporosi, ecco la dieta giusta per prevenirla…

La prevenzione deve iniziare in età giovanile e pure nelle abitudini alimentari...

Tempo di lettura: 3 minuti

L’osteoporosi è una condizione caratterizzata dalla diminuzione della massa ossea e dal deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo: ciò determina un aumento della fragilità ossea con incremento del rischio di fratture, che si verificano soprattutto nelle zone del polso, delle vertebre e del femore prossimale. Ll’osteoporosi interessa circa 4 milione di donne e 800.000 uomini.

PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO

    • Ridotto picco di massa ossea;
    • Sesso femminile;
    • Storia familiare di osteoporosi;
    • Magrezza;
    • Età avanzata;
    • Menopausa precoce o indotta chirurgicamente;
    • Periodi di amenorrea;
    • Anoressia nervosa;
    • Scarsa assunzione di calcio con la dieta;
    • Uso di alcuni farmaci, quali i cortisonici e gli anticonvulsivanti;bassi livelli di testosterone nei maschi;
    • Stile di vita sedentario;
    • Fumo di sigaretta, abuso di alcol.

 

COME PREVENIRLA

L’osteoporosi deve essere considerata sì una patologia da curare, nel momento in cui si determina, ma ancor di più una patologia da prevenire. La prevenzione dell’osteoporosi incomincia in età giovanile e comunque, quanto più precocemente possibile. Ciò è in particolare necessario per quei soggetti, in particolare di sesso femminile, che presentano un più elevato rischio e maggiore probabilità dello sviluppo di osteoporosi.

Le indicazioni nutrizionali per la prevenzione e il trattamento della patologia osteoporotica risultano pressoché sovrapponibili. L’azione preventiva, da attuare tutto l’arco della vita, dovrà mirare all’acquisizione e al mantenimento della maggiore massa ossea possibile attraverso uno stile di vita che, se pure influenzato da numerosi e mutevoli fattori ambientali ed età-specifici, includa sempre una corretta alimentazione ed una adeguata attività fisica.

In caso di patologia conclamata, modificazioni del regime alimentare e dello stile di vita possono rallentare il decorso o prevenire le complicanze ma, purtroppo, non determinano una risoluzione dell’osteoporosi.

Per questo motivo è molto importante adottare, sin da giovani, sane abitudini dietetiche, efficaci sia per prevenire l’osteoporosi, sia per combatterla qualora esista una predisposizione su base genetica. Per lungo tempo si è infatti pensato che l’osteoporosi fosse una malattia legata all’invecchiamento; oggi invece gli specialisti preferiscono parlare di malattia pediatrica.

Fin dai primi anni di vita è dunque importante salvaguardare la salute ed il benessere delle proprie ossa praticando regolarmente attività fisica ed adottando una dieta sana e bilanciata.

QUALE DIETA?

Una dieta ricca di calcio e vitamina D è fondamentale per prevenire e combattere l’osteoporosi. Per favorire il raggiungimento ed il mantenimento del picco di massa ossea è inoltre importante:

  • Ridurre il consumo di dolci e bevande alcoliche
  • Osservare una dieta povera di sale (il sodio favorisce la demineralizzazione ossea);
  • Abolire il fumo, che ha un effetto negativo sulla massa ossea;
  • Evitare di consumare eccessive quantità di proteine e fibre con la dieta.

 

La dieta degli italiani è spesso povera di calcio (in media ne apporta soltanto 700-800 mg/die). Questa carenza predispone molte persone all’osteoporosi (soprattutto le donne in periodo postmenopausale). Il fabbisogno giornaliero di calcio per l’adulto, è stimabile intorno agli 800-1000 mg/die.

Gli alimenti più ricchi di calcio sono: latte, yogurt, formaggi stagionati, noci, mandorle, legumi, pesce azzurro, acque minerali bicabonato/calciche. Se il calcio viene assunto durante i pasti il suo assorbimento risulterà migliore rispetto all’assunzione a stomaco vuoto. Si sconsiglia di utilizzare troppo sale, troppe proteine, troppe fibre, caffeina e alcool nella dieta poiché rallentano l’assorbimento del calcio.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.