Dal palazzo

La protesta

Ospedali catanesi, la Fials: «Ritornano i focolai, siano riviste le nuove regole»

Il segretario provinciale del sindacato lancia nuovamente l'allarme sugli effetti della circolare regionale per il contrasto al covid.

Tempo di lettura: 2 minuti

«Ogni giorno spuntano nuovi casi di contagio in tutte le aziende ospedaliere. Bisogna potenziare subito l’organico, altrimenti rischiamo gravissime ripercussioni sui pazienti». Lo afferma Agata Consoli, segretario provinciale Fials Catania, che lancia nuovamente l’allarme sugli effetti della circolare regionale e delle nuove regole per il contrasto al covid negli ospedali.  Il sindacato spiega che sono tornati i focolai nei reparti e il personale è allo stremo.

«Dato che l’evenienza di positivi al coronavirus non è eliminabile per l’elevata diffusione del virus e visto che la popolazione è nella stragrande maggioranza protetta dalla vaccinazione, la Regione ha deciso di riorganizzare gli ospedali, per gestire i positivi asintomatici o paucisintomatici all’interno dei reparti di degenza no Covid competenti per la patologia prevalente, proprio al fine di assicurare la migliore assistenza», spiega Consoli.

Inoltre, aggiunge: «Queste disposizioni, seppur condivisibili in linea teorica in quanto fanno tornare al centro dell’attenzione sanitaria le diverse patologie che sono state “trascurate” dall’inizio della pandemia ad oggi, nella pratica sono inattuabili sulla base delle linee guida emanate, principalmente per la cronica carenza di personale, circostanza che non consente il turn-over nella frequentissima ipotesi di contagio di quello in servizio: non solo questo personale da tre anni non ha avuto alcun riconoscimento, ma adesso si trova a dover affrontare, senza alcun adeguamento occupazionale idoneo, l’ennesima fase critica con regole volute dalla Regione, che mettono a rischio la salute degli operatori sanitari, oltre che dei pazienti, su cui ricadono ovviamente le conseguenze».

Secondo la Fials Catania «si potrebbe giungere alla drammatica situazione che tale organizzazione possa portare alla chiusura di interi reparti a causa del contagio della maggior parte del personale ivi impiegato, generando la paradossale conseguenza che per cercare di curare i pazienti asintomatici o paucisintomatici, alla fine non sarebbe più possibile curare nemmeno i pazienti no-Covid. Il quadro che si sta delineando ricalca le preoccupazioni da noi immediatamente evidenziate, purtroppo spiace constatare che il nostro allarme è stato sottovalutato. Ogni giorno ci giungono segnalazioni di nuovi contagi tra i lavoratori, una media spaventosa che non può passare inosservata. Ribadiamo la richiesta di incontro urgente in assessorato regionale per trovare insieme soluzioni condivise e più pertinenti, a salvaguardia del personale e soprattutto dei pazienti».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche