Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
laser glaucoma incontinenza urinaria oncologia medica psicologico gestanti prenatale neonato muore ospedali trapani ringraziamento fototerapia cup cataratta melanoma cornee

ASP e Ospedali

rivolto alle frange deboli

Ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani, nuovo ambulatorio prenatale

Si trova all’interno dell’unità operativa di Ostetricia e Ginecologia ed è rivolto alle frange deboli della popolazione gravida, che non afferisce ai consultori familiari.

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’ambito dell’integrazione ospedale territorio è stato creato, all’interno dell’unità operativa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale S. Antonio Abate di Trapani diretta da Laura Giambamco, un ambulatorio prenatale rivolto alle frange deboli della popolazione gravida, che non afferisce ai consultori familiari.

Responsabile del progetto è Natalino Ferrara, direttore dell’unità operativa Assistenza territoriale Materno-infantile dell’ASP.

“L’ambulatorio – dice Ferrara – offre sia un supporto clinico strumentale, come ecografia e cardiotocografia, e psicosociale, che un percorso preferenziale di informazione e formazione sulla gravidanza e il parto, con particolare riguardo agli aspetti psicologici e di supporto socio-assistenziale. Inoltre si occupa dell’implementazione dell’accoglienza e del sostegno all’interno del pronto soccorso di ostetricia per le situazioni di gravidanza a rischio psicosociale e/o vissute in solitudine – in assenza cioè della famiglia di origine – e della promozione di un percorso di consapevolezza e presa di coscienza della gravidanza in situazioni di rischio di interruzione volontaria per problematiche economico-sociali”.

Il percorso di assistenza in reparto si completa con l’invio delle gravide o puerpere, ove possibile, ai consultori familiari. Particolare attenzione, con il supporto di un mediatore linguistico e culturale, viene rivolta alle donne extra comunitarie.

“Questo è un esempio di collaborazione possibile – commenta il commissario dell’ASP Giovanni Bavetta – tra ospedale e territorio, con un reciproco scambio di competenze e professionalità a vantaggio delle pazienti. Insieme a quelle già attive, e ad altre che stiamo mettendo in campo, va nella direzione della nostra mission aziendale, quella di venire incontro all’utenza più fragile, perché un’assistenza sanitaria che non si prende carico dei più deboli ha fallito”.

L’iniziativa rientra nell’ambito dei Progetti obiettivo del Piano Sanitario Nazionale “Intesa Stato-Regioni del 20 febbraio 2014” e vede coinvolti inoltre: la psicologa psicoterapeuta Francesca Basiricò, del consultorio di Valderice, Caterina Capizzo, coordinatrice infermieristica dell’U.O.C. Ostetricia e Ginecologia, l’ostetrica Anna Maria Pianelli, e l’assistente sociale specialista Vitalba Ranno.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati