Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Su una settantenne

Ospedale San Marco, innovativa chirurgia mininvasiva contro il tumore al pancreas

Con la tecnica di pancreasectomia in laparoscopia, che richiede un altissimo livello di precisione, utilizzata in pochi centri in Italia. Ad effettuarla è stata l’équipe del neodirettore della Chirurgia Generale I, Gianluca Di Mauro.

Tempo di lettura: 3 minuti

CATANIA. Eseguita nell’ospedale San Marco l’innovativa tecnica di pancreasectomia in laparoscopia, un tipo di intervento di chirurgia mininvasiva, che richiede un altissimo livello di precisione, utilizzato solo in pochi centri in Italia contro il cancro al pancreas. Ad effettuarla è stata l’équipe del neodirettore della Chirurgia Generale I, Gianluca Di Mauro, su una donna di 70 anni affetta da un carcinoma al pancreas, un tipo di tumore purtroppo in costante espansione negli ultimi anni, per il quale era necessario asportarle il “corpo coda” pancreatico e la milza.

Si è trattato di un intervento molto delicato che normalmente viene eseguito con la chirurgia tradizionale. Con la nuova tecnica messa in campo anche al San Marco di Catania, è stato possibile realizzare dei semplici fori di appena 1 centimetro di diametro, nei quali sono stati introdotti gli strumenti chirurgici, riducendo dunque a minimo la perdita di sangue e le conseguenze ben più importanti tipiche di un classico intervento di chirurgia, a tutto vantaggio di una ripresa più rapida e di un abbassamento del tasso di rischio di eventuali complicanze. Questo tipo di operazione garantisce, infatti, una decisa riduzione dei dolori post operatori e delle infezioni della ferita.

La paziente ha avuto, quindi, un decorso postoperatorio rapido e ottimale ed è stata dimessa in appena sei giorni. La presa in carico della malattia della signora, come avviene nella maggior parte dei casi, ha richiesto un intervento di più figure quali l’oncologo, il radiologo, l’anatomopatologo, il gastroenterologo endoscopista e il chirurgo, un approccio che è stato possibile assicurare nella struttura ospedaliera multidisciplinare.

L’elevata difficoltà tecnica dell’intervento richiede che il medico che lo effettua abbia ricevuto un training laparoscopico lungo per poterlo affrontare con la dovuta sicurezza. Gianluca Di Mauro, si è formato in Francia nei migliori centri di chirurgia laparoscopica avanzata e patologia epatobiliopancreatica ed è stato per cinque anni Direttore della Chirurgia dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa.

Il professionista, nominato di recente a capo del reparto di Chirurgia Generale I del San Marco è un esperto, in campo oncologico, nella presa in carico del Tumore dello Stomaco con approccio mininvasivo eseguendo resezioni gastriche e gastrectomie totali con linfoadenectomia D2 completamente laparoscopiche. È stato inoltre esperto per la redazione delle linee guida sul Tumore del Colon-retto presso l’Associazione Italiana di Oncologia Medica; esegue regolarmente emicolectomie laparoscopiche con CME, colectomie totali laparoscopiche, TAMIS e Ta TME per tumori del retto. Infine, è stato referente per lo screening del carcinoma del colon retto in provincia di Ragusa.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati