Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Nei giorni scorsi

Ospedale Piemonte, prelievo del fegato in sinergia con l’Ismett

La donazione dell'organo da una donna di 81 anni morta per emorragia cerebrale. Hanno collaborato pure il Papardo e il Policlinico di Messina.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. Nei giorni scorsi, presso il P.O. Piemonte dell’IRCCS Centro Neurolesi “Bonino Pulejo”, l’anno ricco di donazioni appena finito si è concluso con il prelievo di organi su una donna di 81 anni deceduta per emorragia cerebrale. Si è trattato di un prelievo del fegato, eseguito dall’equìpe dell’ISMETT di Palermo, avvenuto al termine di mesi difficili in cui, nonostante il dolore delle famiglie che hanno perso i loro cari e le difficoltà legate alla pandemia, sono stati tanti gli atti di generosità di questo tipo.

Il collegio medico di accertamento di morte cerebrale è stato composto dai professionisti: prof.ssa Daniela Sapienza, medico legale del Policlinico di Messina; dott.ssa Lorenza Mazzeo, dirigente medico anestesista dell’IRCCS e referente locale per la donazione; dott. Riccardo Lo Presti, dirigente medico neurologo dell’IRCCS; dott. Nino Caizzone, tecnico di neurofisiopatologia dell’IRCCS.

L’intervento è stato eseguito grazie anche alla collaborazione tra i laboratori di patologia del P.O. Piemonte e dell’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina che, nonostante l’emergenza Covid e l’affollamento dovuto all’esecuzione dei tanti tamponi, non si sono risparmiati e hanno reso possibile questo dono. Fondamentale è stato il contributo del personale di Rianimazione dell’IRCCS coinvolto: le dott.sse Luciana Cavallaro, Elisa Melissari, Rosi Corallini, Daniela Floridia, anestesiste, e gli infermieri Luigi Paludetti e Carmelo Lo Presti. La procedura di prelievo in sala operatoria è stata seguita dall’anestesista Salvatore Spartà e dall’infermiera Sanny Gentile.

La dott.ssa Maria Felicita Crupi, Direttore Amministrativo dell’IRCCS, ed il dott. Salvatore Leonardi, coordinatore locale per la donazione organi e responsabile dell’U.O.C. Terapia Intensiva, hanno ringraziato il marito della donna deceduta che non ha esitato a compiere questo grande atto di generosità: «Mia moglie purtroppo ormai l’ho persa- ha affermato l’uomo dopo la morte della moglie- ma sono felice se qualcun altro può ancora essere salvato».

Un ringraziamento per la collaborazione da parte della Direzione Strategica dell’IRCCS “Bonino Pulejo” va anche all’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico per il servizio di Medicina Legale e all’Azienda Ospedaliera Papardo per il prezioso contributo del suo laboratorio di Patologia Clinica. La sinergia tra le aziende messinesi, con l’intervento dell’ISMETT di Palermo, infatti, ha reso possibile la donazione nonostante il momento particolarmente difficile per l’ambiente sanitario a causa dell’emergenza pandemica.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche