Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

A Messina

Ospedale Piemonte, nuova donazione di cornee: è la prima del 2022

È stato l'estremo gesto di generosità di una persona benvoluta, apprezzata e stimata da quanti l'hanno conosciuta.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. È stato l’estremo gesto di generosità di una persona benvoluta, apprezzata e stimata da quanti l’hanno conosciuta, il dono delle cornee da parte di un uomo deceduto presso il P.O. Piemonte dell’IRCCS Centro Neurolesi Bonino Pulejo. Dopo l’accertamento di morte, avvenuta nei giorni scorsi nel reparto di Rianimazione del nosocomio, le anestesiste Daniela Floridia e Ursula Bisignano hanno attivato la macchina organizzativa.

Così, i dottori Salvatore Leonardi, responsabile della U.O.C. di Anestesia e Rianimazione, e Lorenza Mazzeo, referente locale per la donazione di organi, hanno eseguito il prelievo direttamente in reparto, affiancati dal personale infermieristico in turno, i dottori: Giuseppe Smeralda, Marcello Restalonga e Angela D’Angelo.

Una morte improvvisa, quella del donatore, che ha lasciato senza parole amici e parenti. Un vuoto colmato sì dai ricordi, ma ancor di più dal pensiero che questo marito e padre ha permesso a qualcun altro di vedere anche al posto suo.

Era un professionista che amava il suo lavoro e soprattutto il prossimo, come testimoniato dalle numerose persone che, incredule, chiedevano notizie sulle sue condizioni, un grande uomo e dietro di lui, una grande famiglia che ha firmato l’ultimo suo testamento, lasciando a qualcuno un’importante eredità: la gioia di vivere. Immagini che costruiranno ricordi e faranno parte di un nuovo vissuto, una vita che si spegne può accendere le luci ed i colori di un’altra da vivere.

È importante ricordare che il prelievo di cornee è un piccolo intervento mininvasivo che si effettua sulle persone decedute di età compresa tra 4 e 79 anni, entro le 24 ore dalla morte. Consiste sostanzialmente nell’asportazione di una sorta di “lentina trasparente”, proprio come una lente a contatto, che rappresenta lo strato più superficiale dell’occhio ed il suo prelievo non altera l’aspetto del viso del defunto. Un importante gesto di generosità per fare in modo che non si spengano tutte le luci.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche