Mario Paino midollo osseo medicina trasfusionale carenza di sangue

Ospedale Papardo, ecco le iniziative per la “Giornata del malato”

6 Febbraio 2020

L'11 febbraio si parte dalle 11.30 con l’intitolazione di un'aula a Carmelo Tripodo, coordinatore infiermeristico della chirurgia toracica e vascolare, scomparso lo scorso dicembre a causa di un incidente stradale.

 

di

MESSINA. All’ospedale Papardo una giornata dedicata alla dignità del malato così come voluto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il prossimo 11 febbraio saranno previste delle iniziative di riflessione religiosa e preghiera.

Si parte dalle 11.30 nei pressi del corridoio del comparto formazione del Papardo sito al quarto piano con l’intitolazione dell’aula a Carmelo Tripodo, coordinatore infiermeristico della chirurgia toracica e vascolare, scomparso lo scorso dicembre a causa di un incidente stradale.

Dopo l’introduzione del Direttore Generale Mario Paino (nella foto) seguirà il momento di preghiera e riflessione con l’Arcivescovo Mons. Giovanni Accolla che benedirà l’aula in memoria di Carmelo Tripodo e svolgerà una preghiera per la Giornata del malato.

Animerà la preghiera di benedizione la “Scola Cantorum” della Parrocchia della Santissima Annunziata.

Nel pomeriggio alle 16 ci sarà il raduno dei volontari nella cappella dell’ottavo piano dell’Ospedale Papardo, i quali divisi per gruppi si recheranno nei reparti per la visita e la preghiera con i malati.

Alle 17.45 ci sarà la celebrazione dell’eucarestia.

«In questa giornata- commenta il Direttore Generale Mario Paino- celebreremo la dignità del malato attraverso il coinvolgimento dei nostri degenti in un momento di umana riflessione e preghiera, valorizzata anche grazie alla presenza dell’Arcivescovo. La scomparsa prematura del nostro caro collega Carmelo Tripodo ha motivato un momento di pensiero interno all’Ospedale. Il Papardo ha perso uno dei suoi uomini migliori e potrei dire certamente anche il simbolo di un’azienda che si rilancia e si riqualifica sulla base di sentimenti di bontà, umanità, efficienza, dedizione agli ammalati e ai più bisognosi. Questa perdita ci ha fatto ricordare che tutti noi, nonostante spesso lo si dimentica, siamo solo strumento perché si realizzi la volontà del Signore, che spesso si serve di mezzi non comprensibili alla visione umana».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV