Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
Faraoni Asp Palermo mammografie domenica concorsi

ASP e Ospedali

A Palermo

Ospedale Ingrassia, prelievo multiorgano: fegato, cornee e reni

I familiari di una donna di 71 anni, vittima di una ischemia massiva, appresa la notizia della morte cerebrale della signora hanno deciso di donare gli organi.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Un gesto nobile e generoso nel momento drammatico della perdita di una persona cara. Lo hanno fatto i familiari di una donna di 71 anni ricoverata all’Ospedale Ingrassia di Palermo, vittima di una ischemia massiva. I congiunti, appresa la notizia della morte cerebrale della signora, hanno deciso di donare gli organi.

Dopo il periodo di osservazione obbligatorio per legge da parte del Collegio medico -costituito dal Direttore sanitario, Antonino Di Benedetto, dal coordinatore locale prelievi d’organo dell’Asp di Palermo, Calogero Bellia, dal fisiopatologo Luca Maria Vicari con la collaborazione del Tecnico di Elettroencefalografia, Barbara Laganà – questa mattina alle 7.30 ha avuto inizio l’intervento nel complesso operatorio del nosocomio di Corso Calatafimi.

Il prelievo è durato 7 ore. Coadiuvate dall’anestesista dell’Ospedale Ingrassia, Calogero Bellia, si sono alternate una equipe chirurgica dell’Ismett ed un oculista individuato dal Centro Regionale Trapianti, struttura con la quale c’è stato un continuo contatto della Direzione generale anche nella fase propedeutica della giornata di ieri.

Sono state prelevate le cornee (destinate all’apposita “banca degli organi”), il fegato ed i reni, risultati compatibili anche con pazienti complessi locali in attesa di trapianto.

«Ai familiari della signora che hanno deciso di donare gli organi, va il sentito ringraziamento da parte di tutta l’Azienda- ha detto il Direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni (nella foto)- In un momento di grande dolore, hanno fatto una scelta di altruismo, generosità e solidarietà verso il prossimo. Un doveroso ringraziamento, oltre che agli psicologi dell’Asp intervenuti a supporto e sostegno della famiglia, va anche al personale medico ed infermieristico dell’Ospedale Ingrassia ed all’intera equipe chirurgica che hanno dimostrato professionalità e spirito di integrazione multidisciplinare».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati