Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

La Buona Sanità

Ospedale Ingrassia, due neonati curati con l’ipotermia terapeutica

Il trattamento per la prima volta attivato nella propria TIN è utilizzato nei casi di ipossia ischemica che possono causare la morte o disabilità neurologiche.

Tempo di lettura: 2 minuti

L’Asp di Palermo ha, per la prima volta, attivato nella propria TIN (Terapia Intensiva Neonatale) dell’Ospedale Ingrassia di Palermo l’ipotermia terapeutica neonatale, trattamento neuroprotettivo di scelta nel neonato asfittico.

Due i piccoli pazienti accolti nel reparto, uno dei quali proveniente da un’altra provincia siciliana. «Il trattamento, chiamato anche baby cooling- spiega Vincenzo Duca, Direttore della TIN dell’Ingrassia- è stato finora offerto da altre strutture cittadine, alle quali si è aggiunto adesso anche il nostro ospedale. L’ipotermia terapeutica neonatale è il trattamento nel neonato che, a causa di ipossia ischemica, può andare incontro a morte o sopravvivere con disabilità neurologiche. Il trattamento effettuato sui due piccoli pazienti ricoverati all’Ingrassia si è risolto con successo, grazie anche al contributo di diverse competenze professionali presenti all’Asp, ed in particolare della Radiodiagnostica, del servizio di Neuropsichiatria Infantile e di Neurofisiologia».

I due neonati verranno inseriti adesso in un percorso di follow-up multidisciplinare per valutare lo sviluppo neuropsicomotorio nel corso dei primi anni di vita. “L’Ospedale Ingrassia si conferma punto di riferimento per molteplici attività- ha sottolineato il Direttore generale dell’Azienda sanitaria del capoluogo, Daniela Faraoni– le alte professionalità presenti all’interno dell’organizzazione sono garanzia di efficienza e qualità delle prestazioni, confermate di recente anche dall’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, ndr) nel suo consueto report annuale. Agli operatori della Terapia Intensiva Neonatale ed a tutte le professionalità che sono intervenute, dimostrando tra l’altro grande spirito di integrazione, va il ringraziamento per l’eccellente lavoro offerto alla comunità».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche