ASP e Ospedali

I dettagli

Ospedale Gravina, nuova protesta per la carenza di organico

Venerdì mattina si terrà una manifestazione e una raccolta firme. Secondo il Nursind, che ha promosso l'iniziativa, mancano almeno cento infermieri.

Tempo di lettura: 2 minuti

Tornano in piazza operatori sanitari e cittadini per protestare contro la situazione di “estremo pericolo” all’ospedale Gravina e San Pietro di Caltagirone, a causa della grave carenza della dotazione organica. Venerdì mattina nel parcheggio di via Gravina si terrà una manifestazione e una raccolta firme.

Secondo il Nursind, che ha promosso l’iniziativa, mancano almeno cento infermieri in pianta organica, 120 medici e 80 operatori sociosanitari. «Nel complesso- scrive il segretario provinciale del Nursind, Salvo Vaccaro– si sono persi oltre 100 posti letto nel solo presidio Gravina di Caltagirone, dopo la chiusura da due anni della Lungodegenza, le ripetute interruzioni di pubblico servizio, relative alla Fisiatria-Riabilitazione motoria, la chiusura della Neurologia e Stroke-Unit, la chiusura dei ricoveri nel reparto di Ortopedia, la chiusura dei ricoveri in Cardiologia, le ripetute sospensioni della reperibilità in Oncologia, Urologia, Chirurgia per carenze di medici, già denunciata dal Nursind nel 2021, con ulteriori episodi di interruzione di pubblico servizio e possibili casi di sfociati in esiti infausti».

Il Nursind annuncia inoltre che «viene paventata la riduzione dell’attività di Emodinamica a 6 ore a partire dal 1 di febbraio, poiché gli Emodinamisti rimasti sono soltanto 2 compreso il primario, con ovvie ricadute sulla rete dell’infarto che mette a rischio i cittadini del comprensorio».

Secondo il Nursind «tutto questo costringe il malato a ricorrere ad altre strutture sanitarie o alla sanità privata. Saremo come sempre presenti per dimostrare, ancora una volta che la voce del Nursind non si spegne, che il nostro grido per sostenere il diritto alle cure sarà sempre presente. Esortiamo tutto il personale e i cittadini a essere presenti venerdì a essere presenti presso l’adiacente parcheggio auto di via Gravina, area autorizzata dal sindaco del Comune di Caltagirone, per sostenere la battaglia e difendere il diritto alla salute, e difendere l’ospedale Gravina e Santo Pietro di Caltagirone da un processo di continua degradazione».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche