Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
fondazione giglio Whatsapp prostata pazienti endocrinologia recital sterilizzazione anestesisti

ASP e Ospedali

La nota del sindacato

Ospedale Giglio, la Fials: «In ritardo i pagamenti ai medici che rilasciano certificati»

La denuncia del sindacato sulle somme relative ai certificati rilasciati per infortunio sul lavoro o malattia. Nessuna replica dall'ospedale.

Tempo di lettura: 1 minuto

La Fials-Confsal Palermo denuncia ritardi nei pagamenti delle indennità destinate ai medici del pronto soccorso dell’ospedale Giglio di Cefalù, somme relative ai certificati rilasciati per infortunio sul lavoro o malattia. Si tratta di 30 euro e 50 centesimi a certificato, per un totale in media di mille, 1.500 euro che spettano ai camici bianchi.

Il segretario aziendale Fials, Giuseppe Angiletti spiega che «i medici attendono ancora i soldi per il periodo che va dal 2015 al 2018. Dal 2019 in poi la normativa è cambiata e i pagamenti sono passati al fondo regionale, ma prima, fino al 2018, questi importi venivano liquidati dall’Inail all’azienda ospedaliera che poi li versava ai lavoratori».

Una decina i medici dell’ospedale di Cefalù interessati dal ritardo e che hanno spinto la Fials, guidata a Palermo e provincia da Enzo Munafò, a intervenire.

«Abbiamo chiesto chiarimenti a Inail e azienda e la situazione è chiara. L’amministrazione ha ricevuto le somme, per cui ci chiediamo perché non arrivi finalmente il via libera a queste somme. Le nostre richieste sono andate a vuoto, ma non ci arrenderemo fino a quando non vedremo pagate queste somme che spettano per legge al personale».

Nessuna replica dal Giglio.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati