precari asp

Ospedale Giglio escluso dalla rete dell’infarto? L’assessorato alla Salute smentisce: «Non è vero»

13 Ottobre 2018

«La previsione delle nuove reti tempo dipendenti potrà essere il luogo in cui valutare la bontà delle scelte che erano state fatte nel passato e che ad oggi non sono ancora operative».

 

di

PALERMO. «Non corrisponde al vero che l’ospedale Giglio di Cefalù sia stato escluso dalla rete dell’infarto. E neppure corrisponde al vero che la decisione, già adottata in sede tecnica dalla Direzione Pianificazione Strategica, di prevedere un centro spoke possa produrre danni ai cittadini».

Lo precisa una nota dell’assessorato regionale per la Salute. «Le reti ictus, infarto e politrauma sono in fase di revisione e il documento cui si fa riferimento nella dichiarazione rilasciata dal primario dell’Ospedale Giglio è quello redatto a corredo della rete vigente (D.A. 629/17). Proprio perché in fase di revisione, la previsione delle nuove reti tempo dipendenti, per le quali è stata chiesta la designazione dei nuovi tavoli tecnici già la scorsa settimana, potrà essere il luogo in cui valutare la bontà delle scelte che erano state fatte nel passato e che ad oggi non sono ancora operative».

Il comunicato stampa dell’assessorato è in replica ad una nota inviata dal primario di cardiologia, Tommaso Cipolla, al direttore generale della Fondazione Giglio, dove sottolineava che la cancellazione dalla rete per l’infarto si pone in «stridente e incomprensibile contrasto” con il ruolo di centro Hub svolto dall’ospedale dal 2004, prima cioè della stessa istituzione della rete».

Secondo il cardiologo, l’abolizione del centro Hub di Cefalù comporterebbe «non meno di dieci morti in più in un anno».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV