vittorio virgilio ospedale giglio cefalù

Ospedale Giglio di Cefalù, disponibile nuovo test per individuare cellule tumorali circolanti

22 Luglio 2016

Indicato per i tumori a prostata, mammella, ovaio e utero: viene effettuato grazie ad un accordo siglato con l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano.

 

di

CEFALÙ. Un nuovo test diagnostico per verificare la presenza o meno di cellule tumorali nell’organismo dopo una terapia chirurgica radicale o per controllare l’efficacia di una cura antiblastica, viene eseguito all’ospedale Giglio di Cefalù.

È il cosiddetto test delle cellule tumorali circolanti (CTC) indicato per i tumori alla prostata, mammella ma anche ovaio e utero. Al Giglio viene effettuato grazie ad un accordo siglato con l’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano.

«Introduciamo nel nostro percorso sanitario- ha detto il direttore generale Vittorio Virgilio (nella foto)- nuovi esami diagnostici proiettando la struttura verso la nuova medicina che parte dallo studio del genoma».

«Un test- ha aggiunto il direttore sanitario, Lorenzo Lupo– che potrà essere proposto in futuro sulle persone cosiddette a rischio”. Si effettua con un prelievo di sangue che cattura, identifica e conta il numero di cellule tumorali circolanti ove presenti nell’organismo umano dando al medico importanti indicazioni sulla diagnosi, cura e prognosi del tumore.

«È particolarmente indicato- ha rilevato l’urologo Patrizio Rigatti– nei casi di ripresa delle malattia sotto terapia. Un indice importante per capire se la terapia è efficace o no. Come urologi lo consigliamo dopo aver trattato chirurgicamente e radicalmente un tumore alla prostata».

L’esame è a carico dell’assistito perché non rientra ancora tra le prestazioni rimborsate da Sistema sanitario Nazionale. Viene effettuato presso il centro prelievi del laboratorio d’analisi dell’ospedale su richiesta del paziente.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV