Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
visita ginecologica

Salute e benessere

Il 7 e 8 luglio

Ospedale di Enna, corso sulla chirurgia ricostruttiva del pavimento pelvico

Il 7 e 8 luglio, organizzato dal presidente MIPS, prof. Diaa Rizk e dai professori Biagio Adile e Giuseppe La Ferrera.

Tempo di lettura: 2 minuti

I progressi nella chirurgia ricostruttiva del pavimento pelvico saranno al centro del Corso “Recent advances in Pelvic Floor Reconstructive Surgery”, MIPS (Mediteranean Incontinence and Pelvic Floor Society) che si terrà il 7 e 8 luglio all’ospedale Umberto I di Enna, organizzato dal presidente MIPS, prof. Diaa Rizk e dai professori Biagio Adile (nella foto) e Giuseppe La Ferrera, anche presidenti del Corso.

«Dopo il successo- afferma Biagio Adile, direttore dell’Unità Operativa di Uroginecologia di Villa Sofia- Cervello di Palermo, anche Centro di riferimento regionale per la diagnosi e la cura dell’incontinenza urinaria femminile, oltre che per la cistite interstiziale- ottenuto durante il primo Corso tenutosi a Noto nel Dicembre 2013 abbiamo voluto assicurare ancora una volta un programma scientifico di alta formazione per i medici e di significativo interesse per la prevenzione e la cura dei pazienti».

Il Corso affronta tutti gli aspetti delle disfunzioni pelviche femminili: dalle investigazioni urodinamiche alle fistole genito-urinarie, con particolare attenzione all’educazione delle donne sul trattamento dell’incontinenza urinaria da stress collegata ad operazioni chirurgiche mini invasive, alle nuove tecniche chirurgiche e alla prevenzione, diagnosi e riparazione delle fistole ostetriche e del pavimento pelvico.

In particolare, saranno trasmesse sessioni di chirurgia in diretta dalle sale operatorie dell’Ospedale Umberto I di Enna, accanto a letture magistrali e comunicazioni di rilievo scientifico che si svolgeranno all’interno della sede.

«L’occasione scientifica- aggiunge Adile- offre l’opportunità di condividere momenti di aggregazione sociale, che rappresentano un importante elemento per approfondire la conoscenza nel settore e diffondere la cultura della prevenzione e dell’educazione sanitaria in ambito uro- ginecologico».

«Aspetto quest’ultimo- conclude l’esperto- strategico soprattutto per alcune patologie, come ad esempio l’incontinenza urinaria, che è un problema che in Italia riguarda cinque milioni di persone, fra le quali il 60% sono donne anche in giovane età e rappresenta una patologia di forte impatto sociale, con costi sanitari ingenti, relativi alla gestione della malattia, ma anche indiretti, legati all’assenza dal lavoro e alla mancata produttività. Sul punto il progresso tecnologico ha fatto passi significativi, ma occorre insistere sul profilo preventivo».

La partecipazione al Corso attesa è di circa 150 delegati e l’evento coinvolgerà relatori internazionali, oltre che provenienti da diverse parti della Sicilia e dell’Italia.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati