Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
aggressione Settimana mondiale dell'Alzheimer ospedale Guzzardi pronto soccorso

ASP e Ospedali

L'appello del sindacato

Ospedale di Vittoria, il Nursind: «Sia attivata l’area grigia anti-Covid»

Il sindacato degli infermieri sottolinea che è dannoso in estate lavorare nelle tende del pre-triage.

Tempo di lettura: 2 minuti

Attivare subito l’area grigia nell’ospedale Guzzardi di Vittoria. È quanto chiede il Nursind di Ragusa in una nota indirizzata ai vertici dell’Asp provinciale, in cui si ricorda che tra le misure di prevenzione contro il coronavirus, emanate a maggio e giugno, c’è anche la creazione delle cosiddette “aree grigie ossia aree dove i pazienti, in attesa di esito del tampone rinofaringeo e delle indagini di secondo livello, devono sostare con l’assistenza e le cautele che il caso necessità.

Il segretario territoriale Giuseppe Savasta, assieme a tutta la segreteria, spiega che «i locali sono stati già individuati e sono pronti per rivestire tale funzione. Informazione, quest’ultima, confermata dal direttore sanitario aziendale nell’ultima riunione del 9 luglio scorso. L’area grigia è una delle misure indicate dall’assessorato in chiave di prevenzione e protezione per contenere il rischio di ripresa di focolai epidemici da Covid-19. Ad oggi 20 luglio, purtroppo, incomprensibilmente apprendiamo la mancata attivazione di tale area grigia».

Dal Nursind aggiungono: «Riteniamo che l’attività, di pre-triage ma soprattutto quella di vigilanza e assistenza da espletare nei confronti dei pazienti potenzialmente positivi al Covid-19, pazienti in attesa di risultato del tampone e delle indagini strumentali, effettuata fino adesso presso le tende e i locali adibiti davanti al pronto soccorso, non sia più adeguata alle esigenze assistenziali. Con l’arrivo del caldo estivo, all’interno delle tende e dei locali adibiti al pre-triage si registrano temperature che vanno ben oltre i 30 gradi, dannose per i dipendenti che devono prestare la propria attività assistenziale con tutti i dispositivi di protezione previsti e con pazienti che spesso giungono già in condizioni cliniche precarie e di fragilità».

Il Nursind chiede inoltre di prevedere «un numero di personale adeguato, per evitare staffette tra area grigia e pronto soccorso, come paventato da alcuni dirigenti, attività chiaramente deleteria e in contraddizione alle norme in vigore sulla differenziazione dei percorsi delle attività e dei ruoli del personale».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati