aggressione Settimana mondiale dell'Alzheimer ospedale Guzzardi pronto soccorso

Ospedale di Vittoria, ecco il nuovo percorso grigio per i casi Covid

6 Ottobre 2020

Il d.g. Aliquò "Questi interventi ci hanno dato la possibilità di organizzare meglio le funzioni emergenziali anche per l'avvenire"

 

di

Una soluzione studiata per separare nettamente il percorso di accesso alla struttura ospedaliera di tutti i casi Covid-19, conclamati o sospetti, rispetto a tutti gli altri utenti. Un vero e proprio ospedale dentro l’ospedale senza possibilità di contatto, sia per quanto riguarda le vie di accesso che per quanto riguarda la degenza, la diagnostica e l’eventuale necessità di interventi chirurgici con ascensori, tac, sale operatorie e sale di degenza dedicate alla cura dei pazienti positivi al Coronavirus.

Abbiamo fatto un giro, accompagnati dal direttore sanitario Giuseppe Drago per vedere da vicino come l’Ospedale di Vittoria si è attrezzato per mettere in sicurezza la struttura.

“Come Asp stiamo cercando di organizzare al meglio le aree grige dei nostri ospedali – afferma il direttore generale Angelo Aliquò – Questi interventi ci hanno dato la possibilità di organizzare meglio le funzioni emergenziali, spostando tutti i servizi collegati in un unico piano. Prima, ad esempio, avevamo ospedali con rianimazioni a 5 piani di distanza rispetto al pronto soccorso. Adesso, oltre a garantire la sicurezza in epoca di Covid siamo riusciti a miglioriamo la fruizione di tutta l’area di emergenza – urgenza anche per l’avvenire. Ci sono i posti letto, ci sono le attrezzature, rimane solo il problema del reperimento dei medici, difficili da reperire specie in alcune particolari specialità”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV