ASP e Ospedali

L'annuncio

Ospedale di Taormina, sindacati a un passo dallo stato di agitazione

Durante un'assemblea dei lavoratori sono state discusse le criticità di numerosi reparti del "San Vincenzo".

Tempo di lettura: 2 minuti

Assemblea sindacale dei lavoratori dell’ospedale “S. Vincenzo” di Taormina alla quale hanno partecipato gli RSU: Giovanni Caminiti (UIL FPL), Tindaro Savoca (CGIL FP), Pasqualino Giusto (CGIL FP), Salvatore Di Benedetto (CGIL FP), Vincenzo Crimì (NURSIND, nella foto), alla presenza delle Rispettive Segreterie Provinciali di Messina, rappresentati da Livio Andronico, Segretario Generale,  Corrado La Manna– Area Dirigenza Medica per la UIL FPL Messina, Guglielmo Catalioto– Area della Dirigenza Medica CGIL FP Messina Erano presenti circa 40 dipendenti a vario titolo.

L’assemblea è stata richiesta dai componenti RSU dell’ospedale San Vincenzo. Il Segretario Aziendale UIL FPL di Taormina è stato nominato moderatore del dibattito. Lo stesso ha aperto l’assemblea, affermando che il presidio di Taormina negli ultimi anni ha avuto una de-escalation dei processi organizzatori che stanno determinando preoccupazione nel personale Sanitario.

«Per tali motivi è arrivato il momento di intraprendere, tutti insieme, una strategia al fine non solo di sensibilizzare la Dirigenza amministrativa e politica ma soprattutto per far invertire la curva di decadimento “Depotenziamento” del nosocomio definito da molti l’eccellenza sanitaria Messinese e non solo. Tutto ciò a tutela dei lavoratori e delle lavoratrici ma soprattutto degli utenti».

Durante l’assemblea si sono succeduti numerosi interventi e sono emerse le seguenti criticità riguardanti molteplici reparti come: Radiodiagnostica, Medicina Trasfusionale, MCAU, Complesso operatorio, Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo, Urologia, Terapia Sub Intensiva, Nefrologia e Dalisi, Cardiologia con UTIC, Chirurgia Generale, Ginecologia e Ostetrici, Otorinolaringoiatria, Ematologia, Plesso Autonomo Radioterapia. Prbleni anche per il parcheggio e il deterioramente del prospetto esterno.

Il Segretario Provinciale della UIL FPL Livio Andronico, viste le gravi problematiche persistenti e le reiterate note spedite dalle Segreterie Sindacali presenti, ha affermato:  «L’unica strategia plausibile potrebbe essere la proclamazione dello stato di agitazione e il tentativo di conciliazione ai sensi dell’art 5 dell’accordo del 20 settembre 2001 in attuazione della legge 146/90».

Cosi anche  Catalioto (Cgil), il quale ha detto che in considerazione delle criticità riscontrate l’unica strada da percorrere è quella di scegliere un azione forte e decisiva, quale quella della proclamazione dello stato di agitazione del personale.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche