radiologia

Ospedale di Sciacca, infermiere del Pronto soccorso aggredito con schiaffi e pugni

7 Agosto 2019

La solidarietà del sindacato Fsi-Usae: «La soluzione ideale andrebbe ricercata provvedendo ad istituire le postazioni di Polizia».

 

di

AGRIGENTO. Continuano gli episodi di aggressione ai danni di personale infermieristico e sanitario in Sicilia. L’ultimo caso si è verificato ieri all’ospedale “Giovanni Paolo II” di Sciacca. Un infermiere è stato aggredito con schiaffi e pugni mentre si trovava in servizio presso l’area di emergenza: l’aggressore è fuggito ed è stato poi individuato e fermato dai Carabinieri.

«La Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti costituente della Confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, esprime solidarietà all’infermiere aggredito e agli operatori sanitari vittime di questi gravissimi episodi di violenza»,  dichiarano Salvatore Ballacchino (segretario Territoriale a Agrigento/Caltanissetta e Calogero Coniglio (segretario Regionale).

«La nostra battaglia continuerà ancora per garantire sicurezza al personale sanitario ed ai pazienti che, in questo clima di terrore, non possono ricevere un servizio sanitario efficiente, ma al Ministro della Salute Grillo ribadiamo con decisione che con le sue misure a tutela della sicurezza dei sanitari non è cambiato nulla. Non ha inserito nel suo provvedimento i posti polizia. La soluzione ideale sarebbe istituire postazioni di Polizia, come abbiamo detto più volte. Chiediamo ai ministri Salvini e Grillo cosa intendono fare per tutelare il personale sanitario e portare serenità negli ospedali», concludono i due sindacalisti.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV